03 febbraio 2012

Aristotele straccia Al Gore

di Federico Catani
Ritorno per l'ennesima volta su tematiche ambientali, seppur molto brevemente, perché cerchiamo di stare sul pezzo. L'Italia è sotto la neve. Nevica persino a Roma. Il che, da qualche tempo a questa parte, non è una novità. Tutti infatti ricordiamo il celebre 12 febbraio 2010, quando l'Urbe fu splendidamente imbiancata e lo stesso Santo Padre si affacciò dal suo studio per contemplare quella meraviglia. Oggi l'incanto si ripete. Il dramma è però che il freddo di questi giorni viene visto come una novità. Saremo ingenui, ma a noi è sempre risultato che d'inverno fa più o meno freddo e d'estate più o meno caldo. Non ci saranno più le mezze stagioni, signora mia, ma fondamentalmente questa certezza è rimasta. Forse però siamo troppo realisti e dunque troppo cattolici. Pazienza! Nessuno è perfetto. 

Ebbene, secondo i sostenitori a oltranza del global warming, che pretendono di avere in mano la verità assoluta sul clima, anche questo freddo "siberiano", come lo chiamano i giornali, sarebbe frutto dell'effetto serra. Evidentemente non hanno studiato Aristotele. Lo Stagirita fu il primo a introdurre un principio cardine del pensiero umano occidentale: il principio di non contraddizione. Vale a dire che "ogni realtà concreta, ogni ente è in un modo determinato e non può, allo stesso tempo, essere in un altro modo" (I. Yarza, Fiosofia antica, Edusc, Roma, 2007: si vede che sto studiando, eh?). Insomma, se è freddo non può essere anche caldo e se è caldo non può fare freddo. Concetto lapalissiano, ma gli intellettualoni non ci arrivano. 

Pertanto, Al Gore, l'Onu e compagnia non possono romperci i maroni per anni dicendo che se non fa più freddo come prima è colpa del riscaldamento globale e poi, di fronte alle nevicate, affermare l'esatto contrario. Delle due l'una: o ci stanno prendendo per i fondelli, oppure abbiamo ragione noi e molti scienziati nel dire da parecchio tempo che l'allarmismo climatico è doloso e fasullo. Ad ogni modo, al sottoscritto la neve piace. Preferirebbe vederla in campagna, ma si accontenta lo stesso. 

  
 

0 commenti :

Posta un commento