01 settembre 2012

Al Festival di Venezia sesso e blasfemia contro la Croce di Cristo


di Marco Mancini 
“La scena cult è quella del sesso con un crocifisso che pratica l'ultracattolica protagonista Anna Maria. Prima lo stacca lentamente, e con grande rispetto dalla parete, poi lo bacia leccandolo in ogni sua parte e, infine, si masturba con lo stesso sotto le coperte”. Ecco servito il pezzo forte del film “Paradise: Faith”, il secondo di una trilogia dedicata dal regista austriaco Ulrich Seidl nientepopodimeno che alle virtù teologali.

Non avendo visto il film, premetto che questa non vuole essere una recensione in senso proprio. La storia, comunque, è quella di una donna cattolica che, divenuta preda del fanatismo religioso (sic!), passa il tempo a infliggersi punizioni corporali, a camminare per casa ginocchioni e a intraprendere fallimentari opere di proselitismo in casa d’estranei (manco fosse testimone di Geova…) con in mano una statuetta della Vergine. Il ritorno a casa dopo tanti anni del marito, un disabile musulmano, crea inevitabili problemi, rompendo l’equilibrio esistenziale raggiunto dalla donna e determinando una vera e propria “guerra” domestica.

La pellicola, in concorso al Festival del Cinema di Venezia, ha immancabilmente suscitato grande scalpore: “shock” e “scandalo” sono le parole più utilizzate dai titolisti nostrani. Certamente appropriate, se si tratta di descrivere l’effetto sgradevole, anzi nauseabondo, provocato dalla visione di certe scene. Del tutto ingiustificate, se si intende invece alludere a un presunto carattere provocatorio e “rivoluzionario” dell’opera in questione. Direi, anzi, che non vi è nulla di più banale di uno scontato mix tra sesso e blasfemia anticristiana, in questo Occidente di inizio terzo millennio. E infatti le cronache, dopo averci avvertito che quella sopra descritta “non è l’unica scena forte del film”, ci comunicano prontamente che, alla prima per la stampa, esso “è stato applaudito”. “Bonciboncibonbonbon!”, verrebbe da ripetere insieme a un famoso spot pubblicitario. Per essere anticonformista, mio caro Seidl, lei è in ritardo di almeno un paio di secoli: oggi il suo è un film mainstream.

Applaudono, dunque, i cosiddetti “giornalisti”, come applaudono e applaudiranno i fancazzisti che si fregiano nostro malgrado del titolo di “critici cinematografici” e magari usurpano abusivamente anche quello di “intellettuali”. “Culturame”, li definì con termine spregiativo, ma azzeccatissimo, il compianto Mario Scelba. Gente che ha completamente smarrito l’autentico significato della parola “cultura” e si contenta di identificarla nei rutti ideologici che assecondano la deriva nichilista della nostra civiltà; personaggi talmente immersi nella propria attività di masturbazione mentale da non poter non compiacersi di veder ritratta quella fisica.

Leggo una recensione su uno dei tanti siti di cinema che circolano sul Web: a sentir loro, con questo film Seidl “non solo conferma tutto ciò che di buono aveva fatto con “Paradise: Love”, ma va anche oltre[:] egli centra decisamente l’obiettivo, e gira forse il suo miglior film”. Scusate – viene da chiedere – ma qual era l’obiettivo? Una parziale risposta arriva qualche rigo più sotto: nel film “la questione sessuale ha un ruolo primario”. Niente di cui stupirsi, considerato che in Austria è nato anche Sigmund Freud. Ma è lo stesso regista a rivelarci qualcosa di più: il nocciolo della questione è che la protagonista “non capisce che proprio la sua adorazione cieca per Gesù la porta all'inumanità e all’incapacità di provare amore – e alla perdita di quella virtù cristiana che permette di amare il prossimo”. Ecco il messaggio: chi sceglie Cristo disprezza l’uomo, finisce per non amare né se stesso né gli altri, sacrifica la propria vita sull'altare di un’adorazione masochistica. La carità cristiana rimane una “virtù” accettabile solo se ridotta a un messaggio falsamente umanitario, un generico "volemose bene", solo se si riesce a togliere di mezzo Cristo, cioè la Croce. Senza religione saremmo tutti più liberi, più buoni, più gaudenti. È l’eterna utopia di una felicità facile, a portata di mano purché la si voglia afferrare, di un amore a buon mercato.

Peccato che questo amore, così facile, sia anche altrettanto fragile, precario, superficiale, incapace di portare frutto. È Cristo che ci insegna l’Amore vero, quello che non si conquista a buon mercato ma porta a donare tutto se stesso gratuitamente, perché “chi vorrà salvare la propria vita la perderà, ma chi perderà la propria vita per me, la salverà” (Lc 9, 24). È Cristo che insegna a ciascuno di noi a prendere sulle spalle la propria croce, “poiché il mio giogo è dolce e il mio carico è leggero” (Mt 11,30). In questo senso, nella sua prima lettera San Giovanni chiarisce polemicamente che Cristo è venuto “non con acqua soltanto, ma con l’acqua e con il sangue” (1Gv 5, 6). Senza la Croce, scrive papa Benedetto XVI, “quel che resta del cristianesimo è «acqua» - la parola senza la corporeità di Gesù perde la sua forza. Il cristianesimo diventa puro moralismo e questione di intelletto, ma gli mancano la carne e il sangue. […] Chi non vi scorgerebbe qualche minaccia per il nostro cristianesimo attuale? L’acqua e il sangue vanno insieme; incarnazione e croce, battesimo, parola e sacramento sono inseparabili” (J. Raztinger, Gesù di Nazaret, Rizzoli, 2007, p. 284).

“In verità, vi dico: ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me” (Mt 25, 40). L’adorazione di Cristo ha prodotto, nel corso dei secoli, gli ospedali, i lebbrosari, gli orfanotrofi, innumerevoli frutti di vera carità che hanno scaldato i cuori e reso questo nostro mondo un posto migliore e, appunto, più umano. Lungi dall’essere contro l’uomo, Cristo ci svela il vero senso dell’essere uomo, quello per cui la vita vale veramente la pena di essere vissuta. Atto sovversivo e rivoluzionario è, oggi, solo raccontare questa verità.
 

14 commenti :

  1. Magari il regista si è solo ispirato agli scritti di santa Margherita Maria Alacoque:

    "Era io delicata a segno, che anche una lieve immondezza moveami nausea. Di un cotal vizio il Signore ripresemi sì gravemente, che una volta accingendomi a pulire il suolo dal vomito d'un'ammalata, non potei contenermi di tergerlo colla lingua, e di tranguggiarlo, al mio Signore dicendo: Se mille corpi avessi, mille amori, mille vite, tutto ciò a voi ben volentieri immolerei, per esser tutta vostra. (da Vita della venerabile madre Margherita Maria Alacoque, cap. XL, p. 79)."

    "Un altro giorno avendo con qualche nausea servita un'inferma di dissenteria, ei me ne diè una sì forte riprensione, che, per riparare a questa colpa, mi vidi costretta, mentre andavo a buttare via ciò che aveva fatto, a bagnarvi la lingua dentro e a riempirmene la bocca. Appresso il Signore dolcemente, ed in amichevol modo mi rimproverò del far tali cose: Ed io, O mio Signore, gli dissi, così fo a fin di piacervi, e di così obbligarmi il Cuor vostro divino, e tanto spero io conseguire da voi. (da Vita della venerabile madre Margherita Maria Alacoque, cap. XL, pp. 80-81)."

    oppure di Teresa d'Ávila:

    "Gli vedevo nelle mani un lungo dardo d'oro, che sulla punta di ferro mi sembrava avere un po' di fuoco. Pareva che me lo configgesse a più riprese nel cuore, così profondamente che mi giungeva fino alle viscere, e quando lo estraeva sembrava portarselo via lasciandomi tutta infiammata di grande amore di Dio. Il dolore della ferita era cosi vivo che mi faceva emettere dei gemiti, ma era cosi grande la dolcezza che mi infondeva questo enorme dolore, che non c'era da desiderarne la fine, né l'anima poteva appagarsi che di Dio."Santa Teresa d'Avila, Autobiografia, XXIX, 13

    RispondiElimina
  2. Ma che senso ha criticare un film e trarre rapide conclusioni dalle parole del regista quando si ammette fin da subito che quel film manco lo si è visto e si prende spunto dalle recensioni trovate in giro? Si può fare meglio di così. Proprio un brutto articolo, senza mezzi termini.

    RispondiElimina
  3. Bravo Marco, hai ragione su tutto. Purtroppo questo film, atroce nella sua cattiveria, nel suo odio contro i cristiani e contro lo stesso Gesù Cristo, rivela a chiare lettere, esplicitandolo in un paradosso folle e nauseante, quello che tanti europei oggi pensano: che solo sbarazzandosi di Dio si può avere la felicita piena, si può essere veramente uomini (e donne). La conclusione del tuo articolo, con il richiamo all'amore, è la verità. Solo con Cristo entra nel mondo il concetto di persona, si accende la fiamma dell'amore, nasce la speranza della vita eterna e della liberazione dalla morte. Complimenti per l'articolo.

    RispondiElimina
  4. Ani-Sama, ho specificato nel testo di non aver visto il film proprio perché la mia intenzione non è quella di recensire un prodotto cinematografico (non ho neanche le competenze per farlo), ma di commentare le scene blasfeme presenti nel film e analizzare il brodo di coltura all'interno del quale quel prodotto è nato. A mio avviso, il nodo teorico del dibattito emerge con chiarezza dalle parole del regista: su quello mi sono concentrato.

    RispondiElimina
  5. @Marco Mancini

    già, il film non l'hai visto, però scrivi un post per "commentare le scene blasfeme presenti nel film ".

    Geniale!

    RispondiElimina
  6. Alessandro Rico2 settembre 2012 14:08

    L'Anonimo del primo commento evidentemente non ha capito cosa significano i brani che riporta. Non descrivono perversioni sessuali né atti di balsfemia.

    RispondiElimina
  7. @Alessandro Rico

    bene, allora prova ad immaginare un regista che, volendo rappresentare questi scritti di Margherita Maria Alacoque la mostra mentre, per compiacere Gesù, lecca vomito ed escrementi.

    Cosa scriverebbero i commentatori-senza-aver-visto-il-film come Marco Mancini?

    RispondiElimina
  8. L'anonimo confonde la vita di due Sante della Chiesa Cattolica (citando episodi di mortificazione e misticismo) con il prodotto volutamente provocatorio (e blasfemo) di un documentarista che punta alla denuncia sociale in modo alquanto "forte", ma proponibile anche in altri modi (e Canicola l'ho visto)...

    RispondiElimina
  9. Commentare le scene blasfeme... Vabe', io non so più cosa dire. Sembra che nel mondo ci sia un complotto anticattolico, ma questa è una convinzione che rasenta la patologia.

    E invece l'ovvietà è che scene forti e/o blasfeme possono avere un senso, e l'unico modo per scoprirlo è guardare l'opera senza pregiudizi. Se no, uno butta via anche l'ultimo film di Pasolini, visto che è un susseguirsi di scene di violenza e perversione esplicita. Ma sarebbe una tale sciocchezza, proprio una cosa da stupidi.

    RispondiElimina
  10. Si possono esprimere le proprie idee senza per questo mostrare scene forti o blasfeme... Stupido è pensare di poterlo fare solo in un modo (pensa alla differenza tra Arancia Meccanica e I Fratelli Karamazov nel trattare il libero arbitrio...)

    RispondiElimina
  11. E quindi cosa facciamo? Disprezziamo le opere che usano toni forti solo perché "si può dire in un altro modo"? Insomma, non so, a questo punto andiamo a dire a Leonardo come fare la Gioconda... È un atteggiamento insulso, ed è da sciocchi non rendersene conto.

    (E comunque, non ho letto "I fratelli Karamazov", non ancora, ma ho visto "Clockwork Orange" e l'ho trovato eccezionale)

    RispondiElimina
  12. Sì, scene forti e/o blasfeme possono avere un senso. E' proprio quello che ho ricostruito dalle parole del regista, sulle quali ho esercitato la mia critica. Non è tanto questione (almeno per me) di forme espressive (che di per sé sono abbastanza discutibili), ma di contesto ideologico.

    RispondiElimina
  13. Genovese, non ti scaldare.... Non voglio spiegare a Leonardo come fare la Gioconda, ho solo detto che certi argomenti si possono trattare in molti modi (e qui sta la genialità dell'artista), magari evitando di essere blasfemi (che tra l'altro è uno pseudo-esercizio di libertà). Sennò uno può cominciare a sparare a vista in strada per far vedere quant'è sacra (e dura anche) la vita.
    Non ti impedirò di esercitare il tuo intelletto visionando le scene di stupro di Arancia Meccanica, trovandolo eccezionale. Per fortuna gli Artisti non hanno bisogno di scandalizzare per essere ricordati.

    RispondiElimina