04 settembre 2012

Il Batman di Nolan vota Tea Party

di Alessandro Rico

Otto anni dopo la morte di Harvey Dent/Due Facce, Bruce Wayne è un uomo trasandato, malconcio, depresso e solitario. E al maggiordomo Alfred, purché il suo pupillo non rischi la vita, tutto sommato sta bene così. Le carte cambiano, quando la ladra professionista Selina Kyle/Catwoman ruba le impronte digitali del miliardario, per venderle a un infido membro del Cda della sua azienda: il progetto è quello di convertire in un’arma distruttiva un reattore nucleare che la Wayne Enterprise aveva costruito per produrre energia pulita e gratuita. Con il prezioso contributo del perfido e fortissimo Bane.

Il regista Cristopher Nolan è un artista capace di coniugare il successo commerciale alla densità di contenuti, sondabili, a più livelli, dallo spettatore accorto. I temi che si intrecciano sono molteplici e anche di rilevanza filosofica: la paura, la verità, la conoscenza di sé, la solitudine, la fragilità dell’essere umano. Ma quel che più mi preme evidenziare, in tempi di crisi economica e declino del capitalismo, è l’aspetto politico: The Dark Knight Rises è un manifesto del liberalismo.

Tutto comincia, dove era finito il secondo capitolo della trilogia: Gotham è la perfetta realizzazione del regno delle leggi speciali, stile Patriot Act, eredità dell’ex procuratore Dent. La città è ripulita dal crimine, ma le garanzie giuridiche sono un ricordo. Fin qui, la critica al conservatorismo. Poi arriva Bane. Se volete, più sadico di Joker: questi era l’anarchia, lui è il dogmatismo democratico, la redistribuzione autoritaria delle ricchezze, a tratti il socialismo reale, nella scena dell’assalto alla Borsa rimanda inequivocabilmente a Occupy Wall Street (non è un caso che negli USA, la pellicola sia stata associata all’agenda del Tea Party).

La vicenda di Joker rappresentava un atto di sfiducia verso il potere, chiunque lo detenesse: persino l’incorruttibile Dent, alla fine, cadeva («La follia è come la gravità: basta solo una piccola spinta»). Al suo estro perverso fa da contraltare il metodo di Bane. Con un piano ben architettato riesce a trasformare Gotham in una Comune, che presto degenera nel Terrore giacobino: saccheggi nelle abitazioni dei ricchi, processi sommari consumati ai piedi di un surreale scranno, sul quale siede lo psicopatico professor Crane/Spaventapasseri. In questo clima giustizialista, persino Catwoman, che da subito si distingue per uno spirito di rivalsa anticapitalista, sospira durante una razzia: «Questa era la casa di qualcuno» (come a dire che il rispetto della proprietà privata è parto naturale del common sense), mentre la compagna ribatte: «Ora è la casa di tutti».

La minaccia dell’ordigno nucleare, che incombe ineluttabile su Gotham, può essere diversamente interpretata: è la conseguenza non intenzionale di un progetto ecologista (anche qui, Nolan insiste sul pericolo costante che un immenso potere sfugga di mano persino a un supereroe); è la dimostrazione che la corsa verso il progresso e il sapere non può essere concepita come un’esplorazione solitaria e autoreferenziale (lo scienziato russo, l’unico in grado di fermare la detonazione, viene prevedibilmente assassinato da Bane); ma soprattutto, simboleggia quell’autodistruzione che è l’exitus inevitabile, per una società che si voti all’autogestione, alla sospensione del diritto, all’invidia della ricchezza.

Non mi stupirei, se i fruitori italiani parteggiassero per Bane. Conosco i miei polli e la loro cultura politica. Anzi, ho già beccato, tra i commenti a qualche recensione on line, l’indignado che si sfogava: «Al posto di Monti metterei Bane. Lui sì che è cazzuto».

Vorrei concludere, però, sottolineando un aspetto che rivela, se non un messaggio di chiara marca cristiana, almeno una sintonia di spirito con la nostra fede.
Il vero protagonista del film è Bruce Wayne. Su circa tre ore di film, infatti, Batman è in scena sì e no per quaranta minuti. In più, pressoché tutti i personaggi principali conoscono la sua vera identità: la figlia di Ra’s al Ghul, Selina Kyle, Bane, il giovane e coraggioso poliziotto Blake, alla fine persino il commissario Gordon. E allora, che senso ha portare quella maschera? La ragione è spiegata forse dallo stesso Uomo Pipistrello: «Chiunque può essere un eroe. Anche un uomo normale che mette un cappotto sulle spalle di un bambino, per fargli capire che il mondo non è finito». Quella maschera sottrae l’individualità per allegorizzare l’uomo qualunque, tu, noi, mentre teniamo dietro, quotidianamente, alla nostra vocazione. Molto vicino alla concezione dell'Opus Dei, potremmo dire.

E comunque, state tranquilli: Batman non muore. 
 

4 commenti :

  1. Bellissimo articolo.

    RispondiElimina
  2. Complimenti all'autore. Ho visto il film e la chiave di lettura proposta è quella giusta. Bellissima la citazione finale. Non a caso S. Josemaria parlava dell'eroismo degli ultimi 5 minuti!

    RispondiElimina
  3. Gran bell'articolo! E' la resa esatta della mia interpretazione del film. Complimenti all'autore!

    RispondiElimina