09 ottobre 2012

Quando "Corriere" e "Repubblica" sottovalutavano le staminali adulte

di Giuliano Guzzo

Era il 2005 ma sembra passato un secolo da quando i principali quotidiani del Paese – quelli letti da gente colta e perbene, mica da talebani cattolici – spiegavano che coloro che avrebbero disertato il referendum sulla Legge 40/2004 e, più in generale, gli studiosi (Angelo Vescovi, Bruno Dallapiccola e tanti altri) che ritenevano superflua e infruttuosa – oltre che eticamente discutibilissima – la ricerca sulle cellule staminali embrionali in favore di quella sulle staminali adulte, erano nel torto. Torto marcio.

L’equilibratissimo Corriere della Sera, per dire, all’indomani dell’indizione del referendum si schierò subito – neanche il tempo di ragionarci su, di riflettere, di berci sopra un caffè – a favore del “Sì”. In prima pagina, of course: «Il nostro è un sì soprattutto in difesa della libertà di ricerca scientifica (che altrimenti subirebbe gravi limitazioni con l’impossibilità di mettere a punto cure per malattie come Alzheimer, Parkinson, sclerosi, diabete)» (Corriere della Sera, 14/1/2005). E le staminali adulte? Quella non era una frontiera di ricerca? No, zero. Neanche un accenno. Roba da cattolici preconciliari, avranno pensato in via Solferino.

Memorabili, poi, le sconfortate dichiarazioni riprese da Repubblica all’indomani del referendum che confermò l’impossibilità di ricercare sulle cellule staminali embrionali. Il padre della fecondazione in vitro italiana, il prof. Carlo Flamigni, si avventurò in cupi pronostici: «l’Italia sarà costretta ad acquistare i brevetti di ciò che altri hanno scoperto, perché messi in grado di ricercare e lavorare in questa direzione» (La Repubblica, 14/6/2005, p. 12). Umberto Veronesi, dal canto suo, non fu da meno: «Il limite principale sarà posto alla ricerca sulle cellule staminali embrionali, che rappresentano davvero una grande promessa della biomedicina» (La Repubblica, 15/6/2005, p. 8).

Oggi cosa succede? Succede che Shinya Yamanaka e John Gurdon, i principali studiosi sulle staminali adulte – o, meglio, coloro che hanno dimostrato che è possibile (come molti ipotizzavano, inascoltati, già nel 2005) “riprogrammare” le cellule staminali adulte fino a renderle paragonabili a quelle embrionali – ricevono il premio Nobel per la Medicina.

Nel frattempo lo studioso Hwang Woo-Suk, che Repubblica definì l’«eroe coreano» (la Repubblica, 14/6/2005, p. 12) e considerato la promessa mondiale per le cellule staminali embrionali, si è rivelato un totale imbroglione; nel frattempo non le parrocchie ma i più avanzati centri di ricerca – pensiamo, per dirne un paio, ai casi della californiana Geron biopharmecuetical e della Susan G. Komen for the Cure Foundation, la più importante fondazione contro il cancro al seno degli Stati Uniti – hanno abbandonato la ricerca sulle cellule staminali embrionali, ritenute poco utili sul fronte terapeutico; nel frattempo Corriere e Repubblica, tanto per cambiare, debbono ancora scusarsi con quanti – giustamente – non diedero credito a quella che loro consideravano «una grande promessa della biomedicina». E invece era una bufala.

http://giulianoguzzo.wordpress.com/
 
 

17 commenti :

  1. sì, infatti nel 2005 Repubblica e Corriere avevano la sfera di cristallo ed erano perfettamente a conoscenza che nel 2012 il nobel per la medicina serebbe andato a due studiosi delle staminali adulte ma nonostante questo preferirono schierarsi per la libertà di ricerca dando la possibilità agli studiosi di ricercare in entrambe le starde.

    Il processo ipotesi-verifica-nuova ipotesi è alla base della Scienza. comprendo che la fede sia più semplice, ma qua stiamo parlando di Scienza.

    RispondiElimina
  2. Certi atei fanno commenti così idioti che non si capisce se dipenda dal loro ateismo o dalla loro ridotta capacità cranica e dal pollice inopponibile.

    RispondiElimina
  3. Bravi Anonimo ed Ilaria Pisa!
    allora diamo pure dell'idiota a Leonardo da Vinci perché pensava che un uomo potesse, con la forza delle braccia come fanno gli uccelli, sollevarsi da terra (ahahahah, che ridere! era proprio un cretino!)

    RispondiElimina
  4. Direi che il quarto commento del solito anonimo ateo conferma in pieno il secondo commento.
    Cosa c'entra adesso Leonardo?

    RispondiElimina
  5. [spiegazione per dummy]

    Leonardo c'entra perché è stato un idiota: ha provato a far volare un uomo grazie alla forza delle sue braccia quando tutti oggi sappiamo che non è possibile.

    Un po' come idioti sono stati corriere e repubblica che nel 2005 non volevano che si precludesse una via di ricerca quando oggi (2012) sappiamo che è possibile ottenere, almeno parzialmente, gli stessi risultati attraverso un'altra stada.

    [ovviamente mi scuso con chi non è dummy]

    Naturalmente non sto contestando il fatto che una persona possa considerare 2 cellule come un essere umano, solo che oggi (2012) possa contestare un articolo del 2005 dicendo: "vedi avevamo ragione noi" quando la sua posizione del 2005 non derivava da ossservazioni scientifiche ma solo da questioni di fede.

    tutto questo tralasciando il fatto che, per fortuna, la ricerca sta andando avanti sia con le staminali embrionali che con le staminali adulte.

    RispondiElimina
  6. [Spiegazione per jackass]

    Naturalmente Leonardo non è stato il solo.
    Se lei sapesse quanti preti hanno fatto ricerca scientifica, forse si andrebbe a buttare dal ponte perchè le cadrebbe l'unico motivo per campare, odiare la Chiesa.
    Certamente la ricerca su un medicinale per debellare il virus Ebola trarrebbe grande vantaggio se lo sperimentassimo su tutti i barboni, su tutti gli orfanelli, su tutti i mentecatti, su tuttii malati mentali, non trova?
    Tanto, non sono degni di vivere no?
    Già non molto tempo fa, uno, seguito da 'nzacco de zeri, tanto per citare (+ o -) Trilussa, aveva adottato gli stessi metodi, naturalmente a scopo "compassionevole" e per fare progredire la ricerca, no?
    Già dal 2005, ma anche prima, si sapeva perfettamente che la sperimentazione sulle staminali embrionali
    1) poneva problemi etici di prima grandezza
    2) non portava da nessuna parte

    Oppure per lei bisogna sterminare la popolazione del paese X ( a scelta), prima di convincersi che la data arma è inefficace?

    RispondiElimina
  7. eccola! la Reductio ad Hitlerum: puntuale come in Natale

    non nego che i preti abbiano avuto un ruolo importanto nella ricerca scientifica, nego però che lo abbiano avuto gente come Ruini o Fisichella (tanto per citare i primi 2 che mi vengono in mente).

    per favore, spiegami dove ho scritto che auspico di sterminare "tutti i barboni, tutti gli orfanelli, tutti i mentecatti, tutti i malati mentali " per far progredire la scienza.

    Mi sembra troppo facile attribuire parole non dette e poi contestare quelle.

    come detto, l'unica cosa che contesto è il punto 2) del tuo elenco. Il sapere, nel 2005, che la ricerca sulla staminali embrionali non porta(va) da nessuna parte per il semplice fatto che... non lo sappiamo neanche oggi!

    se poi si vuol fermare la ricerca sulle staminali embrionali per motivi etici posso pure esser d'accordo.. ma non accampiamo motivazioni scientifiche

    RispondiElimina
  8. "Naturalmente non sto contestando il fatto che una persona possa considerare 2 cellule come un essere umano, solo che oggi (2012) possa contestare un articolo del 2005 dicendo: "vedi avevamo ragione noi" quando la sua posizione del 2005 non derivava da ossservazioni scientifiche ma solo da questioni di fede."

    Giuliano non dice "avevamo ragione noi", ma scrive che la via delle staminali adulte è stata (ideologicamente) accantonata, senza conoscerne i potenziali risultati, mentre per ora si dimostra quella più efficace (e per noi l'unica tollerabile). Poi ovviamente c'è lo sfottò da "godo come un riccio, coglioni", anche se velato.
    Poi, se fosse vero che di fatto è possibile "“riprogrammare” le cellule staminali adulte fino a renderle paragonabili a quelle embrionali", penso non ci sia più da discutere, neanche a livello meramente tecnico (livello da aborrire, peraltro). (Poi non è per fede che pensiamo che 2 cellule siano un uomo, dettagli...)

    Sono d'accordo con la [Spiegazione per jackass].

    RispondiElimina
  9. E quindi la legge di Godwin deve essere la foglia di fico per continuare a fare gli stessi errori?
    E dopo, farete come allora?Non immaginavamo che potessero arrivare a tanto
    Ve la caverete con questo?

    RispondiElimina
  10. "ma scrive che la via delle staminali adulte è stata (ideologicamente) accantonata, senza conoscerne i potenziali risultati"

    Guzzo baglia, chi era per il referendum era per la libertà di ricerca, non per concentrare la ricerca sulle solo staminali embrionali

    se poi si è avuto *culo* tanto che "per ora [la via delle staminali adulte] si dimostra quella più efficace" (ti ringrazio per aver detto "per ora") non può essere una giustificazione scientifica (e ripeto: SCIENTIFICA) posteriore a chi nel 2005 si è astenuto al referendum

    all'altro anonimo: mi lusinghi, ma non parlare di me al plurale ("Ve la caverete" etc.). Grazie.

    RispondiElimina
  11. Il referendum 2005 era per la "libertà della ricerca"??? O_O

    Evidentemente agli atei con la ridotta capacità cranica e al pollice inopponibile difetta anche la memoria...

    Il "voi" era riferito a te e ai tuoi compagni di terapia psichiatrica...

    RispondiElimina
  12. il primo dei 4 referendum era intitolato "Procreazione medicalmente assistita – limite alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni - abrogazione parziale"

    evidentemente noi[*], atei[**] avremo pure una la ridotta capacità cranica, il pollice inopponibile e difetteremo anche di memoria ma almeno... sappiamo leggere.

    [*] la spiegazione del "voi" mi hai fatto cadere dalla sedia dalle risate. Ma sei così "al naturale" o sniffi il gpl?
    [**] poi un giorno, con calma, mi spiegherai se consideri atei solo me o in generale tutti quelli che non la pensano come te

    RispondiElimina
  13. Il referendum era infatti sulla ricerca sugli embrioni... Comunque non ho parlato di referendum, non mi interessa, ho solo detto che si dovrebbero equiparare scientificamente i due filoni di ricerca (ma non eticamente), cosa che i media non hanno fatto; il "per ora" è stata una concessione anch'essa moralmente discutibile.

    RispondiElimina
  14. Bellissimo articolo. Una vittoria della verità sull'odio e il pregiudizio di chi odia Dio e la Chiesa. Non prevalebunt.

    RispondiElimina
  15. "Naturalmente non sto contestando il fatto che una persona possa considerare 2 cellule come un essere umano, solo che oggi (2012) possa contestare un articolo del 2005 dicendo: "vedi avevamo ragione noi" quando la sua posizione del 2005 non derivava da ossservazioni scientifiche ma solo da questioni di fede."

    Questo è un commento stupido.

    Che le staminali adulte fossero superiori a quelle embrionali su diversi piani non è solo una questione di fede.

    Oltre il problema etico, che non era presente solo nei cristiani ma anche in non-credenti, c`è anche il problema che le cellule embrionali di un altro essere umano sono sempre cellule estranee al corpo.

    Le staminali adulte, invece, possono essere estratte dal corpo stesso del malato. Qui ci sono già enormi vantaggi per le terapie.

    Ci sono quindi diverse ragioni, oltre anche quelle menzionate, che favorivano le staminali adulte.

    Il punto è che le embrionali sembravano la via 'più facile' per molti... ma la via che appare più semplice non è sempre la migliore.

    Quindi il 'avevamo ragione' non è una mera 'questione di fede', ma anche di scienza e di logica...

    ===

    "se poi si è avuto *culo* tanto che "per ora [la via delle staminali adulte] si dimostra quella più efficace" (ti ringrazio per aver detto "per ora") non può essere una giustificazione scientifica (e ripeto: SCIENTIFICA) posteriore a chi nel 2005 si è astenuto al referendum"

    Come detto sopra non è 'semplice culo'.

    Invece che parlare di scienza a vanvera, STUDIALA.

    RispondiElimina
  16. @SFX
    lo hai detto tu stesso

    "le embrionali sembravano la via 'più facile' per molti"

    ovviamente con il senno di poi ti azzardi a dire che

    "ma la via che appare più semplice non è sempre la migliore."

    ma l'autore del post commenta articoli di giornale del 2005 con conoscienze scientifiche del 2012

    RispondiElimina