18 aprile 2013

Non Rodotà, per carità


di Giuliano Guzzo
Non sono i suoi quasi 80 anni, né le sue quattro legislature parlamentari e neppure le sue sfiancanti prediche sulle colonne di Repubblica, dove da anni non fa che arrovellarsi sul presunto «disagio esistenziale» delle coppieomosessuali che «non possono ricorrere al matrimonio» (La Repubblica, 7/6/2006) e sulla presuntissima legittimità di «adozioni da parte di gay» (La Repubblica, 10/7/2006), i più urgenti problemi dell’Italia insomma.

Non è nemmeno la sua idea di abrogare l’obiezione di coscienza prevista dalla pur pessima Legge 194, obiezione di coscienza che a suo dire «
non è più ragionevole» (La Repubblica, 3/12/2011). Di Stefano Rodotà non convince il personaggio Stefano Rodotà, la sua arietta accademica e saputella, tipica di chi ha studiato per una vita senza capirci in realtà granché; la sua superiorità ostentatissima quando i suoi occhi si fanno piccoli, inarca le sopracciglia e lentamente pontifica.
Cos’abbia poi da pontificare uno che tifa per l’aborto procurato, l’eutanasia e le adozioni gay, è un vero mistero. Perché se perdi di vista la dignità dell’uomo, se non vedi nel bambino non ancora nato il bambino che sei stato, puoi insegnare in tutte le più quotate università del mondo, ma rimani molto indietro. Puoi essere culturalmente gigantesco, ma resti umanamente semianalfabeta. Puoi anche essere eletto al Quirinale, ma rimani solo un sosia di Rodotà.

http://giulianoguzzo.wordpress.com/2013/04/18/non-rodota-per-carita/#more-2569
 

11 commenti :

  1. Ma almeno motivare l'odio?
    Un blog phastidioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. che, nonostante tutto, segui mi pare di capire.... Valentina

      Elimina
    2. se è per questo seguo anche spinoza.it oppure nonciclopedia

      Elimina
  2. Se le motivate critiche, caro coraggioso anonimo, le chiami odio.... ma già, siamo nell'epoca della "qualunquofobia".

    RispondiElimina
  3. potrebbe andarvi peggio:
    rodotà no perchè sarebbe un'umiliazione insostenibile per il pd; allora prodi; allora un grillino alla sanità, allora una vendoliana alle pari opportunità e voi che fuggite in ungheria da orban;
    in fondo non là non sono male nè il vino nè la birra nè il cibo; e poi ci abita rocco siffredi con famiglia.

    RispondiElimina
  4. dove sarebbero le argomentazioni non è dato capire. si capisce solo che non sei d'accordo con le opinioni di rodotà in materia di bioetica, interessante, hai fatto bene a farci un posto, volevo proprio sapere come la pensavi al riguardo.

    vertigoz.

    RispondiElimina
  5. ALLORA I FIGLI CHE NASCONO PER SBAGLIO??!??! MA CHE VI SIETE FUMATI?

    RispondiElimina
  6. Vediamo con piacere che dal forum dell'UAAR giungono dei nuovi lettori. Benvenuti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahah!! Valentina

      Elimina
  7. Gentile signora Barbara, non esistono figli che nascono per sbaglio: nascono tutti dopo rapporti sessuali, per sbaglio non è mai nato nessuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabbè, lasciamo perder la battuta sul figlio di un falegname che, si dice, esser nato da una donna vergine (!)

      Elimina