15 luglio 2013

Festeggiato il 14 luglio?

di Franciscus Pentagrammuli

Mentre la Francia si immerge sempre più nell’abisso della crisi economica e sociale, il presidente Hollande, che in campagna elettorale si presentò come il portatore della normalità istituzionale e della pacificazione del paese dopo il governo dello scintillante e controverso (più che altro da parte della sinistra, ideologizzata e fanatica comment toujours) Sarkozy, non si occupa, e con un dispiego di forze (e, si immagina facilmente, di denaro) poliziesche, istituzionali, propagandistiche veramente impressionante e fuori da ogni ragionevolezza e proporzione, che di costringere la Francia a marce forzate verso il “cambiamento di civilizzazione” consistente nella eliminazione totale di quell’ultimo retaggio di umanità rimasto ai nostri tempi: la differenza fra maschio e femmina, e il fatto che i bambini nascano e vengano cresciuti da un maschio e una femmina.
Parlano, questi socialisti autenticamente folli, di uguaglianza. E ogni uguaglianza ha un riferimento: tutti, sembra, devono esser uguali a quella che definiremmo la “chicca isterica e violenta da gay pride”: un omosessuale iper-politicizzato a sinistra, ateo e violentemente anticlericale, schifosamente impudico ed offensivo, ripugnante persino agli omosessuali normali (i più, che spesso sono conservatori in politica, vicini ai valori religiosi o comunque rispettosi della Chiesa, decenti, e disinteressati o contrari a "matrimoni" gay et similia).

Ovviamente tantissime persone si oppongono a tale progetto (che sembra ormai realizzato, almeno a livello istituzionale), quindi si è rivelato necessario al governo contrastare l’opposizione con mezzi il cui solo pensiero riempie chiunque abbia ancora una mente non dico cristiana, ma puramente libera, di sdegno e rabbia. Falsificazione di prove sul numero dei manifestanti contro il mariage pour tous, arresti di giovani, preti, donne incinte, operai, disabili, maltrattamenti contro i manifestanti (calci a gente placcata a terra, lancio di lacrimogeni contro folle in cui erano presenti anche donne e bambini, lancio di bottiglie di vetro, manganellate, percosse varie, trascinare giovani distesi per terra verso le camionette della polizia…), demonizzazione degli oppositori (ripetute affermazioni che si trattasse di estremisti di destra da parte del ministro dell’interno, inviti pressanti alle famiglie con bambini a non partecipare alle manifestazioni, che avrebbero [ma ciò mai si è verificato] certamente visto delle violenze da parte dei manifestanti), minacce di sciogliere (non si sa come) dei movimenti dell’opposizione da parte della società civile, violazione di indirizzi di posta elettronica, facebook, twitter, detenzioni di 16, 24, 36, fino a 48 ore, processi, arresti sommari (un gruppo di celerini, avendo rincorso dei manifestanti rifugiatisi in un ristorante e non riuscendo quindi a riconoscere gli inseguiti, ha risolto il problema arrestando una ragazza dal viso arrossato, perché “sicuramente aveva appena smesso di correre; oppure di persone che, ferme sul bordo della strada ad osservare delle azioni di protesta, sono state arrestate e liberate dopo 24 ore, arresto di chiunque fosse trovato a Parigi ad indossare felpe o braccialetti della Manif pour Tous, divieto di indossare tali indumenti in tutte le scuole di Francia…), verbali faziosi e non veritieri (coperte da divano e soprabiti verdi registrati come “coperte ed indumenti militari”…); ci sono poi state violenze “private” (un deputato di destra pugnalato, un omosessuale organizzatore delle manifestazioni anti mariage pour tous aggredito in un bar per omosessuali, affissione di volantini infamanti che accusano di omofobia gli omosessuali stessi che si oppongano ai progetti del governo…).

La battaglia sarebbe già vinta, secondo il governo. Ma allora perché una tale furia contro gli oppositori? Arcana imperii…
Ma non basta: c’è anche un fortissimo impegno propagandistico, tanto che il primo "matrimonio" gay celebrato sul territorio francese è stato accompagnato, a Montpellier, da centinaia di giornalisti, protetto da centinaia di poliziotti, organizzato con un protocollo di sicurezza tale che, in un paese normale, solo chi ricopra una importante carica istituzionale avrebbe ottenuto, e con la partecipazione di una rappresentante del governo (ma fino alla mattina stessa si parlava della presenza di due ministre).
La maggior parte dei media si sono perfettamente appiattiti sulla linea del governo, ripetendone e diffondendone le menzogne ed infamie contro l’opposizione pacifica all’omosessualismo, in Francia, e tendenzialmente ignorandola, all’estero.

Ma non basta certo fare il lavaggio del cervello agli adulti: è indispensabile anche indottrinare i bambini, fin dalla scuola materna, con l’insegnamento obbligatorio della teoria del gender nelle scuole di tutti gli ordini e tipi, pubbliche come private, e l’introduzione di libri di testo apertamente e ridicolmente propagandistici.

Quindi, buon 15 luglio!

 

13 commenti :

  1. "Falsificazione di prove sul numero dei manifestanti contro [scegliere l'argomento], arresti di giovani, preti, donne incinte, operai, disabili, maltrattamenti contro i manifestanti (calci a gente placcata a terra, lancio di lacrimogeni contro folle in cui erano presenti anche donne e bambini, lancio di bottiglie di vetro, manganellate, percosse varie, trascinare giovani distesi per terra verso le camionette della polizia…),"

    incredibile: dicono tutti le stesse cose!!!

    RispondiElimina
  2. Buona caserma Bolzaneto o scuola Diaz anche a te,
    solleticante franceschiello

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Bolzaneto le forze dell'ordine hanno semplicemente compiuto il loro dovere contro orde di teppisti e terroristi comunisti che meritavano ben di peggio.

      Elimina
    2. giàgià però poi non lamentatevi quando sotto ai manganelli ci finiscono i vostri.

      Elimina
  3. Mi sfugge la logica di paolopancio. Se Bolzaneto e la Diaz sono state un'infamia, augurarle a qualcuno è intrinsecamente violento e fascista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente vuole solo trollare un pochino.
      Deve essere molto soddisfatto ad immaginarsi la rabbia di chi legge le sue provocazioni, se lo ignori risolvi il problema tanto prima o poi raccoglierà quel che ha seminato.

      Elimina
    2. @anonimo delle 15:01

      guarda che da queste parti "fascista" è considerato un complimento..

      Elimina
    3. ultimo anonimo... direi che tiri così tanto la realtà per i capeli che ti è rimasto lo scalpo in mano

      Elimina
    4. penultimo - absit iniuria verbis - anonimo,
      ma se avete fatto campagna elettorale per forza nuova: il dente duole dove battono il fascio littorio e le 8 milioni di baionette delle prolifiche italiane d'un tempo;
      ciao ammmmmmmmmore

      Elimina
    5. Fra gli autori di Campari e de Maistre ci sono: forzanovisti, liberisti del Tea Party, monarchici, gente del PDL...
      Se poi fascista significa "chiunque non condivida le posizioni dello scrivente", allora troverete sempre più fascisti di quanto non ce ne siano. Altroché gli otto milioni di baionette!
      Pentagrammuli

      Elimina
    6. "........forzanovisti, liberisti del Tea Party, monarchici, gente del PDL..."

      un'enumerazione esilarante: grazie france'.

      Elimina
  4. La Francia è uno stato fantoccio totalmente in mano alla massoneria. La democrazia non ha proprio nulla a che vedere con Hollande.
    E' vero che è stato eletto dopo "regolari" elezioni... ma chi guida i consensi sono i mass media in mano alle grandi concentrazioni di capitale. Anche lo stato quindi con la rete delle varie logge è totalmente in mano al potere finanziario-massonico. Fortunatamente la gente si sta riprendendo la sua libertà e queste manifestazioni contro Hollande ne sono un segno inequivocabile. Anche l'economia capitalistica è fortemente in crisi... E' normale, quindi, che il cerchio si sta sempre più restringendo e che il leone ferito (=la massoneria) diventi sempre più feroce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chi è il tuo spacciatore?
      dai, davvero! deve aver della roba fantastica!

      Elimina