20 luglio 2013

Francesi e Italiani contro la dittatura omosessualista

di Giorgio Mariano
Uno per uno i paesi dell’Unione europea stanno cadendo sotto l’egemonia e le ingerenze di un “Super Stato” che si pone al di sopra delle singole legislazioni nazionali imponendo, oltreché misure economiche univoche che non tengono conto delle differenze intrinseche alle economie locali, leggi e decreti in materia di morale che uniformano i pensieri e le coscienze in nome di una “tolleranza” che tollera tutti tranne coloro che la pensano diversamente.
La temuta legislazione sul matrimonio fra persone dello stesso sesso, infatti, dopo la capitolazione di Olanda, Belgio, Spagna, Inghilterra e Francia sbarca anche nel “Bel Paese” ma, con essa, anche la reazione degli Italiani. Le proteste che in Francia hanno accompagnato l’intero iter parlamentare di proposta e approvazione della legge “Taubira” per i matrimoni e le adozioni gay continuano stabilmente e si sono estese intrepidamente anche al di qua delle Alpi.

In Italia la Commissione Giustizia della Camera dei Deputati ha approvato il testo base del ddl contro l’omofobia e la transfobia, testo che andrà all’esame dell’Aula il prossimo 26 luglio.
In vista della discussione parlamentare sul suddetto progetto di legge, un gruppo di manifestanti francesi del movimento “Manif pour tous” (Manifestazione per tutti) i quali, lo ricordiamo, sono stati, e tutt’ora sono, oggetto di persecuzione dal governo Hollande per aver manifestato il loro dissenso su matrimoni/adozioni omosessuali,  scenderà in piazza Colonna a Roma la sera del 25 luglio per unirsi agli italiani nel difendere la libertà d’espressione e d’opinione contro una legislazione sovranazionale che rischia di imporre il bavaglio di un pensiero unico e inoppugnabile pena l’accusa d’omofobia e transfobia.
Non mi dilungherò nelle implicazioni giuridiche e nelle sanzioni previste per una tale iniziativa legislativa poiché già affrontate diffusamentedal nostro Giuliano Guzzo.
Ciò che però la maggior parte degli italiani, probabilmente, non sa è che sono state presentate in Parlamento non una ma ben “tre”diverse proposte di legge. Infatti, insieme alla suddetta, che introdurrebbe il reato di omofobia e transfobia, è stato presentato un progetto di legge che aprirebbe l’“Accesso al matrimonio da parte delle coppie formate da persone dello stesso sesso”, e uno sulla “Modificazione dell’attribuzione di sesso”. Ossia la libertà di modificare a piacimento anche più volte nel corso della propria vita il proprio sesso, eliminando così ogni tipo di distinzione sotto l’egida dell’indifferentismo sessuale. In pratica ben tre proposte di legge che metteranno la parola fine ad ogni tipo di opinione e discussione in merito: o si è d’accordo o si è omofobi. Non ci sono margini di libertà.

Ovviamente il tutto passato sotto silenzio dai media e le principali emittenti radiotelevisive. Un vero e proprio sbarco di Marsala all’insaputa della maggior parte degli italiani i quali sono alle prese con le ferie di luglio-agosto. Con il rischio concreto di ritrovarsi dall’oggi al domani con una situazione imposta già legalizzata e con l’impossibilità di manifestare il proprio dissenso in merito alle unioni omosessuali e, consequenzialmente, in merito alle adozioni di bambini a coppie omosessuali.
In Francia la sollevazione è stata di popolo ed estesa a livello nazionale al di là dei credo religiosi e delle singole convinzioni filosofiche, riunendo atei, agnostici, musulmani, ebrei, cristiani di diverse confessioni ed anche alcuni movimenti omosessuali contrari al matrimonio con il risultato, non trascurabile, di aver portato in piazza a Parigi più di un milione di francesi.
Il movimento di opposizione a queste legislazioni che stanno contagiando progressivamente tutti gli stati dell’Unione va assumendo carattere internazionale palesando così che in Europa la questione dell’equiparazione delle unioni omosessuali a quelle eterosessuali è tutt’altro che assodata, nonostante l’Europa stia promuovendo fin dagli asili la (dis)educazione all’identità di genere in obbedienza alla ideologia queer.

I francesi, perciò, si schiereranno al fianco di noi italiani assicurandoci appoggio e solidarietà a partire da giovedì 25 luglio in piazza Colonna in una sorta di “veglia” di protesta in vista dell’inizio dei lavori parlamentari.
Chissà se la reazione degli italiani ad una legislazione che rischia di togliergli la libertà sarà compatta come quella coraggiosa e diffusa che stanno dimostrando i nostri cugini Francesi? In gioco c’è la libertà di un intero popolo, il nostro, e di ogni singolo individuo di poter insegnare ai propri figli ciò che si ritiene più opportuno per la loro salute psico-fisica e per amore della verità.
 

40 commenti :

  1. Le Manif pour tous ha fallito in Francia e adesso crede di potersi riprendere in Italia. Da quando in qua il Parlamento italiano dovrebbe stare a sentire un gruppuscolo di manifestanti stranieri? Ma per cortesia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La manif pour tous voleva innescare un grande movimento di popolo. Per persuadere il governo a non fare una legge. Non è riuscita a persuadere il parlamento, ma questo non vuol dire che la manifestazione o i suoi ideali siano sbagliati.
      L'arroganza delle maggioranze, per cui "siamo di più, abbiamo ragione" è un concetto barbaro. Ovviamente c'è chi plaude alla legge Toubira, ma non si capisce perché chi si oppone sia necessariamente un fallito.
      I governi cambiano. Le maggioranze anche. Grillo non era nessuno politicamente, ora tutti devono per forza averci a che fare. Già oggi il partito socialista ha perso la maggioranza. Hollande governa finché governa, poi cadrà e altri prenderanno il suo posto. E probabilmente la legge Toubira cadrà con esso, se gli ideali della Manif pour tous saranno rimasti intatti.

      Elimina
    2. @emanuele, dietro la manif c'è una parte dei cittadini francesi, non "il popolo". Circa il 60% dei francesi è a favore della legge Taubira. Non si tratta del popolo francese contro il governo, ma una parte di cittadini contro il governo E contro l'altra parte di cittadini. Chiami arrogante la maggioranza solo quando ti fa comodo, vorrei vedere se non ti sentissi maggioranza nell'Italia cattolica e tu non pretendessi di far valere il peso delle proporzioni. I governi cambiano bla bla bla, ma una legge del genere non si può davvero abrogare, non si possono rendere i matrimoni gay già celebrati nulli retroattivamente e sarebbe difficile accettare l'idea di matrimoni gay validi solo se celebrati prima e non dopo. Ci sono eventi irreversibili perché annullarli porterebbe a situazioni peggiori e ingestibili.
      In UK la Regina ha dato il suo assenso ai matrimoni gay, la Francia non si farebbe mettere i piedi in testa dagli inglesi per nessuna ragione, non accetterebbe la figuraccia di approvare i matrimoni gay per poi rimangiarsi tutto.
      Mettiti l'anima in pace.

      Elimina
    3. Grazie per averci dato un motivo in più per non cedere un millimetro di terreno e non accettare nessun compromesso sui matrimoni gay. Se vi diamo un dito vi prendete tutto il braccio per cui neanche un unghia meritate.

      PS La logica del tuo ragionamento finale su inglesi e francesi è degna di un cervello di cinque anni.

      Elimina
    4. #anonimo delle 14.53
      lolwut che millimetri di terreno hai da cedere se non ne possiedi neanche un nanometro?

      Elimina
  2. Scusa avrebbe fallito in cosa? Il legislatore che vuole imporre una legge lo farà anche contro la volontà del popolo, anche se in piazza scendono 1 milione di manifestanti da tutta la nazione. Inoltre la legge in Francia è passata con una maggioranza parlamentare del 60%,non mi sembra un voto all'unanimità! Se le leggi vengono imposte con questi numeri manifestare non è superfluo, anzi, dimostra chiaramente la finzione della "democrazia" in cui è il popolo ad essere sovrano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Peccato che sia anti-democratico far decidere alla maggioranza i diritti civili e umani delle minoranze. E peccato che comunque il 60% dei francesi sia favorevole alle Legge Tabiura. E anche se così non fosse, immagina se la maggioranza fosse favorevole all'uccisione di tutti i bambini di colore o all'uccisione di tutti i cattolici. Ci sono diritti inalienabili che nessuna maggioranza può cancellare o mettere in discussione, se no la democrazia diventerebbe un'oclocrazia o una dittatura della maggioranza. Infine, il 60% è una grande maggioranza parlamentare! In genere le leggi passano col 51%...

      Elimina
  3. E quelli che hanno manifestato pro legge Taubira non sono popolo? Sono una minoranza? Comunque in Italia che vengono a fare? Il Parlamento deve sentire anche la voce di un pezzetto di popolo francese? Ma LOL!

    RispondiElimina
  4. Omosessualità e cambiamento .. oltre le bugie delle lobby omosessuali, informazioni per giovani e famiglie: http://alidavismara1.blogspot.ch/2013/07/informazioni-per-adolescenti-e-famiglie.html?spref=fb

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può l'avidità umana arrivare a questo punto? Arrivare a propugnare teorie rigettate dall'intera comunità scientifica? Arrivare a offrire "cure" deontologicamente scorrette, inutili e spesso dannosissime? Arrivare a ingannare la gente pur di lucrarci sopra? Può l'odio e la paura verso il diverso arrivare a tali livelli? Potranno convincerti di essere una gallina, potranno farti il lavaggio del cervello, ma non diventerai mai davvero una gallina. E il vivere una menzogna così grande anche verso se stessi porta gravissimi danni psicologici. Bisognerebbe invece vivere se stessi, accettare il proprio Io, la propria natura, il proprio modo di essere. Bisognerebbe accettarsi per ciò che si è e viverlo checché ne pensi la società. Il diffondere certe teorie folli, insensate e anti-scientifiche non fa che aumentare l'avversione della società verso il diverso e la sofferenza psicologica di tanti giovani che così faticheranno ancora di più ad accettarsi. Signora Vismara, lei ha le mani sporche di sangue e la coscienza nera e buio come il più profondo degli abissi. Per fortuna la comunità scientifica va in tutt'altra direzione, per fortuna l'Ordine Nazionale degli Psicologi le dà contro. Ma in un'Italia tanto bigotta e ignorante, è più facile credere alla superstizione di una simil-sciamana che alla scienza. Un mio caro amico è arrivato a suicidarsi per colpa di gente di come lei, di pseudo-terapie offerte da appendici di Nicolosi senza alcuna attendibilità scientifica. Io sono agnostico, non so se esistono una o più divinità, non so se esista l'Infermo. Ma lei deve sperare che non esista, perché in caso contrario la pagherà cara per le sue bugie. Adieu, Vanna Marchi wannabe.

      Elimina
    2. alida vismara lei sa' che le 'lobby omosessuali', hanno anche degli PSICOLOGI e PSICANALISTi che danno aiuto a chi ne ha bisogno? allora questi psicologi e tutti gli altri psicologi alimenterebbero la convinzione, a suo dire o far capire, che si 'e' gay'? lei ha detto e affermato che chi, con la terapia riparativa, praticando ippoterapia si convince che puo' cambiare orientmento sessuale puo' cambiarlo veramente. lei ha risposto ad un utente che gli ex gay non credenti non hanno o avrebbero alcun interesse a testimoniare il loro cambiamento. perche in questo caso no? lei ha risposto, sempre al medesimo utente, che gi ex gay credenti danno o darebbero la loro testimonianza del loro cambiamento per aiutare gli altri e ringraziare dio. perche in questo caso si?

      Elimina
  5. Quelle di Alida Vismara non sono "tutte" bugie, ci sono solo alcune espressioni ambigue come la "sessualità è una manifestazione somatica di un'emozione". Ma per il resto i dati e gli studi indicati sono corretti e appurati dalla maggior parte del mondo della neuro-scienza. Ma basterebbe semplicemente interrogare la psicanalisi e psicologi autorevoli come Roberto Marchesini per sapere in maniera più sistematica e probante che le tendenze e gli orientamenti sessuali sono, appunto, "tendenze" ed "orientamenti" e perciò stessi non-essenziali nè incontrovertibili, ma passeggeri e quindi indirizzabili verso l'oggetto corretto e naturale della sessualità umana, ovvero il diverso da sè, il complementare, colui che completa la mia sessualità, la mia emotività e in definitiva la mia umanità. E questa non è un'invenzione della Chiesa ma ne parla lo stesso Platone nel Simposio con lo splendido Mito dell'Androgino, e ancor più chiaramente e scientificamente Aristotele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Philosophus medius21 luglio 2013 23:09

      "Ma per il resto i dati e gli studi indicati sono corretti e appurati dalla maggior parte del mondo della neuro-scienza."

      Nelle neuroscienze non esiste alcun dato a sostegno di "terapie riparative". La neuroscienza non c'azzecca con le scuole pseudoscientifiche di stampo psicanalitico.

      "Ma basterebbe semplicemente interrogare la psicanalisi e psicologi autorevoli come Roberto Marchesini"

      Autorevoli secondo chi?

      "per sapere in maniera più sistematica e probante che le tendenze e gli orientamenti sessuali sono, appunto, "tendenze" ed "orientamenti" e perciò stessi non-essenziali nè incontrovertibili, ma passeggeri"

      Confondi la linguistica con le scienze sperimentali. Cose da ciarlatano.

      "e quindi indirizzabili verso l'oggetto corretto e naturale della sessualità umana, ovvero il diverso da sè, il complementare, colui che completa la mia sessualità, la mia emotività e in definitiva la mia umanità."

      Questo concetto è un non-senso scientifico.

      "E questa non è un'invenzione della Chiesa ma ne parla lo stesso Platone nel Simposio con lo splendido Mito dell'Androgino, e ancor più chiaramente e scientificamente Aristotele."

      Mi spiace, ma Platone e la fisica di Aristotele sono tutto fuorché scientifiche. La natura studiata aristotelicamente ha prodotto teorie bislacche e fasulle, c'è voluto Galilei per iniziare a liberarsene, malgrado la filosofia aristotelico-tomistica imperante nella Chiesa. E questa non è un'invenzione dei perfidi laicisti.

      Elimina
    2. La comunità scientifica21 luglio 2013 23:26

      Roberto Marchesini, autore di "Pedagogia cinofila. Introduzione all'approccio cognitivo zooantropologico". Proprio un esperto autorevole. Di cani.

      Elimina
    3. attenzione a non confondere il famoso etologo e filosofo Roberto Marchesini (Bologna, 1959) con lo sconosciuto omonimo di cui parla Tacconi, Roberto Marchesini, i cui "articoli sono apparsi su Cristianità, Il Domenicale, Il Settimanale di Padre Pio, Studi Cattolici, Famiglia Oggi", e che non ha pubblicato uno studio scientifico che sia uno, a parte qualche libretto che può farsi stampare qualunque mattoide clericale.

      Elimina
    4. "Da questa revisione abbiamo tratto due conclusioni chiave. La prima è che non ci sono prove sufficienti che i SOCE siano efficaci per cambiare orientamento sessuale. In aggiunta, ci sono alcune prove che tali tentativi procurano danni. [...] La seconda scoperta chiave è che coloro che partecipano ai SOCE, a prescindere dagli scopi di tali trattamenti, e coloro che risolvono il loro distress tramite altri mezzi, possono evolvere durante il corso del loro trattamento in aree come la auto-consapevolezza, il selfconcept, e l'identità." (American Psychological Association, Report of the American Psychological Association Task Force on Appropriate Therapeutic Responses to Sexual Orientation, agosto 2009)

      Elimina
  6. Tacconi, si vede che bazzichi le pseudoscienze se non sai citare niente di meglio la psicanalisi (quando fa comodo) e gente autorevole a parole ma sconosciuta a livello internazione. La maggior parte del mondo dela neuroscienza che appura è una tua invenzione. Alida Vismara e compagnia fanno parte dei cascami di Joseph Nicolosi, confessato dalla comunità scientifica. Questa è la verità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra che Tacconi abbia semplicemente esposto un pensiero chiaro e lineare cosa che i commentatori successivi non sono stati in grado di emulare, semplicemente demolendo senza avanzare alcun argomento. Tanto da fare strafalcioni del tipo di scambiare gli omonimi Roberto Marchesini con tanto di aria di saccenza la quale può solo essere mossa da profonda ignoranza alimentata da una "intelligente" ricerca su wikipedia in cerca di chi sia il personaggio di cui non avete mai sentito parlare, non perchè sia sconosciuto al mondo della psicologia, ma perchè voi non lo conoscete, cosa ben diversa.
      Ciò che afferma strampalatamente Philosophus Medius, il cuo nickname sembra perfettamente attagliato per il livello di obiezione mossa, è l'errata concezione affermatasi successivamente alla speculazione Cartesiana e ancor più solidamente con l'empirismo che si possa dire scientia (dal latino "conoscenza") solo ciò che è sperimentabile, misurabile, calcolabile. Si sorprenderà quindi il nostro Filosofo "Medio" scoprendo che anche la Medicina, pur essendo NON-esatta, è a tutti gli effetti Scienza! Lo stesso vale per la psicologia e la psicanalisi Freudiana e Jungiana, nonché per la Filosofia di cui il nostro filosofo di "Medius" livello adotta le categorie. D'altra parte queste convinzioni manifestano un materialismo filosofico radicato nell'uomo contemporaneo che rifiuta tutto ciò che non può materialmente misurare.
      Non mi pare inoltre che il Tacconi abbia in alcun modo confuso linguistica e scienza sperimentale poichè la seconda si basa inevitabilmente sulla prima. Il valore e il senso delle parole determinano la conoscenza empirica poichè senza identità tra logica ed empirìa si cade in un nominalismo che semplicemente scinde il dato scientifico dalla possibilità di parlarne con verità. Tutto ciò ha radice nel rappresentazionismo filosofico. In definitiva se la scienza adotta i termini di "orientamento" e "tendenza" è necessario previamente aver nozione di cosa questi due termini indichino.
      Tralascio di rispondere su Platonismo e Aristotelismo perchè il Filosofo "Medio" l'ha sparata talmente grossa dimostrando povertà di pensiero e di conoscenza in merito alla Filosfia (che è ricerca della verità) che non merita alcun tipo di responso.
      Ritengo in definitiva che al fine di una reale comprensione delle parole sia necessaria minor foga nel distruggere il pensiero dell'interlocutore e più capacità di ascolto da cui scaturisce la riflessione e comprensione. Oltreché, ovviamente, un minimo di competenza in materia altrimenti siamo a livello di disputa, seppur animosa, da baretto.

      Elimina
    2. @anonimo
      "non perchè sia sconosciuto..."
      Ecco "R. Marchesini, psicologo e psicoterapeuta, lavora come consulente, formatore e terapeuta. È collaboratore de il Timone, per il quale ha tenuto corsi sull'identità di genere e sulla teologia del corpo di Giovanni Paolo II. Ha collaborato al fascicolo ABC per capire l'omosessualità (2005) e pubblicato i volumi: Come scegliere il proprio orientamento sessuale (o vivere felici) (2007); L'identità di genere (2007) e Psicologia e cattolicesimo (2009). Suoi articoli sono apparsi su Cristianità, Il Domenicale, Il Settimanale di Padre Pio, Studi Cattolici, Famiglia Oggi."
      Belle referenze! Autorevole per chi? Comunità scientifica? Comunità degli psicologi? Dove? E' solo uno psicologo sconosciuto che scrive su settimanali cattolici. Non ha pubblicato nessun articolo scientifico peer reviewed.

      "Ciò che afferma strampalatamente..."
      Perché questa è la scienza secondo le moderne concezioni epistemologiche e filosofiche analitiche. Ignorante.

      "Si sorprenderà quindi..."
      L'anonimo ignorante ignora che la medicina non è scienza, ma una pratica che si basa su conoscenze scientifiche misurabili che provengono dalle scienze vere e proprie: fisica, chimica, biologia. Su questo concordano tutti i filosofi della scienze e gli epistemologi. Si veda "La medicina non è una scienza. Breve storia delle sue scienze di base" di Cosmacini Giorgio. Secondo l'ignorantissimo anonimo, si dovrebbe considerare scienza anche l'omeopatia, che è a tutti gli effetti medicina, ma non è minimamente scienza.

      "Lo stesso vale per la psicologia..."
      La psicanlisi freudiana e jungiana sono pregne di assunzioni metafisiche inverificabili e giustamente Popper ne ha dimostrato le infondate pretese scientifiche. L'ignorante anonimo vada a studiare le basi prima di commentare. La filosofia in generale non ha le caratteristiche né i metodi tipici della scienza. Poiché l'ignorante anonimo crede che qualunque forma di conoscenza sia scienza solo per una questione etimologica, dimostra di non aver capito nulla del dibattito scientifico-filosofico degli ultimi tre secoli.

      Elimina
    3. "D'altra parte queste convinzioni manifestano..."
      Non si tratta di rifiuto ma di riconoscere che le cose non misurabili non sono verificabili ed è doveroso dubitare della loro effettiva fondatezza se si tratta di farne un pensiero organizzato.

      "Non mi pare inoltre che il Tacconi abbia in alcun modo confuso linguistica e scienza sperimentale poichè..."
      L'ignorantone qui sopra la prende alla larga, ma da ignorante quale è non sa che l'identità fra logica ed empiria non è dato ma va verificato di volta in volta e caso per caso. Il discriminante è l'empiria, non la logica: Aristotele ha dimostrato con una logica ferrea molti fenomeni della natura che si sono rivelati del tutto erronei alla luce dell'esperimento, poiché si trattava di logica fondata su premesse sbagliate e la verità delle premesse sulla natura non può essere dimostrata per logica ma per esperienza scientifca. Ma questo l'ignorante anonimo non lo sa.

      "Tralascio di rispondere su Platonismo e Aristotelismo..."
      L'anonimo ignorante tralascia e non risponde perché non sa come rispondere. E' un fatto che Platone e Aristotele, benché siano state figure importanti nello sviluppo del pensiero razionale occidentale, oggi non godono di alcuna autorità all'interno dei processi scientifici né hanno valore le loro "scoperte": per la biologia di Aristotele, era normale credere che i cigni nascessero dalle piante; per la sua fisica, che un oggetto più pesante cade con più velocità di uno più leggero... Ma Galileo...

      "Ritengo in definitiva che..."
      L'anonimo ignorantissimo può ritenere in definitiva tutto quello che vuole, ma egli, oltre a dimostrare la sua crassissima insipienza, non ha fornito nessun argomento, rifiutandosi di rispondere con scuse puerili e infarcendo il suo commento di aggettivi a caso nell'illusione di dargli sostanza. Le parole di costui valgono quanto il blaterio di uno sciocco.

      Elimina
    4. ma con chi vi alleate?22 luglio 2013 23:08

      sapete cosa diceva freud, padre della psicoanalisi, a proposito della religione?

      Elimina
  7. Ottimo articolo. Ottima iniziativa.
    I commenti come al solito sono degni dell'anonimato.
    E' vero Platone e Aristotele sono scientifici. Non in tutto ovviamente, ma dato che la filosofia è ricerca della verità (disponibile) si presume che la verità sia vera, oggettiva, e scientifica? E scientifica. Anche quanto al metodo, perchè la filosofia è sapere rigoroso. La scienza infatti è una parte di essa. Se poi si è tanto ottusi da confondere la scienza con la tecnologia, bè non è colpa di Aristotele...

    Per il resto non ho capito ancora da che parte del bancone sto ;)

    Un caro saluto e un sincero grrr dal petto per non potere essere alla Manif...

    Matteo Donadoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La filosofia di Nietzsche, in quanto filosofia, è vera e rigorosa? I difetti di Platone e Aristotele non stanno nella confusione tra scienza e tecnologia, che nessuno ha menzionato, i difetti di Aristotele e Platone sono metodologici. E questa confusione che hai è colpa tua, amico.

      Elimina
  8. Il nichilismo non è filosofia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nietzsche non è solo nichilismo mentre tu sei solo ignoranza conclamata.

      Elimina
    2. Se il nichilismo non è una dottrina filosofica allora io sono Napoleone Bonaparte.

      Chi ti ha dato la patente per dira cosa è e cosa non è filosofia? Tu dici che una cosa non è filosofia quando non ti piace. E' un metodo da bar sport, e qualifica molto bene chi lo mette in pratica: l'imbecille.

      Elimina
    3. Perchè il nichilismo è una minchiata e i nichilisti minchioni. E Nietzsche è un malato di mente cpace di baciare in bocca un cavallo. Poveretti fare pena per farsi notare...

      Elimina
    4. Gigetto o' filosofo23 luglio 2013 14:57

      ue', chesto anonime tiene i raggionamenti di un piccerillo di sette anne!! se vuole fa' passa' pe' trolle. caro anonime, ere meglie ca ti imbaravi zappatore, ca o' zappatore nun se pretende de canoscere a filosofia! e te sparagnavi 'sta figur emmerd! ue', ma comm stete cumbinate? che scuorne, che vergogne!

      Elimina
  9. E la sagra dell'insipienza si estende.
    Caro Anonimo, purtroppo questa è una condanna esistenziale autoinflitta: più si è ignoranti e più si crede di sapere.
    Uno che afferma "Platone e Aristotele, benché siano state figure importanti nello sviluppo del pensiero razionale occidentale oggi non godono di alcuna autorità all'interno dei processi scientifici" afferma la propria inadeguatezza a sostenere un dibattito più elevato di una disputa da baretto (se vogliamo proprio essere generosi).
    Utilizzando, peraltro, ed evidentemente in maniera del tutto inconsapevole, il principio di non-contraddizione scoperto da Aristotele base e presupposto della logica e della comunicazione.

    E con la grande umiltà, inoltre, di fregiarsi con il titolo di "Philosophus Medius" prontamente ridimensionato in "phil med" per non "strafare".
    Ma è inutile gettare le perle ai porci, sprecando parole inconsulte con chi neanche sà che il termine logica in riferimento alla scienza del ben pensare da lui impropriamente utilizzato è stato coniato da un certo Aristotele di Stagira...
    Ma già il povero Socrate aveva il suo ben daffare con pseudo-filosofi di questo genere auto-definitisi "maestri" pieni di boria e prosopopea.

    Ripeto, è una condanna esistenziale autoinflitta: più si è ignoranti e più si crede di sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ce ne passa dal principio di non contraddizione al valore scientifico del mito dell'androgino di platone o di altre elucubrazioni di aristotele, che credeva tra l'altro che le donne, soprattutto se di bassa statura, erano da considerare poco meno che umane. parliamo del valore scientifico dei contenuti delle loro filosofie, che è pressoché nullo, non del valore storico. poiché lei è più ignorante di quell'altro, non sa che il principio di non contraddizione non è stato scoperto da aristotele, che invece l'ha solo messo fra le leggi del suo sitema logico. il principio di non contraddizione era già noto agli antichi greci, come parmenide, e era anche ai logici antichi dell'oriente indiano e cinese, ove sono nate scuole di logica indipendenti già 3000 anni fa. lei non ha fornito nessun argomento a favore delle boiate pubblicizzate dalla vismara. il resto delle cose che ha detto la qualificano nella sua incompetenza. c'è differenza fra chi sa e chi crede di sapere, lei è di quest'ultima risma, e dimostra l'ipocrisia di chi, smascherato nella sua ignoranza, si finge insipiente per sminuire chi ne ha smentito le fandonie.

      Elimina
    2. Si chiama "medius" molto probabilmente per via del dito che gli altri gli fanno sempre vedere!!!!

      Elimina
    3. philosophus universalis24 luglio 2013 02:23

      e te sei minimo, minimo minimo un cojone

      Elimina
  10. Panem et Circenses! ed ora scannatevi pure!

    RispondiElimina
  11. Privilegi? Qui si tratta di estendere la Legge Mancino, che già tutelare altre minoranze. Qualcuno ha forse parlato di "privilegi neri" o "privilegi induisti"? Il problema è che attualmente gli eterosessuali sono privilegiati e adesso si tratta di iniziare a essere tutti sullo stesso piano. Attualmente la comunità LGBT è fatta da cittadini di serie B, e questo è inaccettabile per un paese civile!

    Libertà di parola? Non c'entra nulla. Si può avere la libertà di dire che i neri sono inferiori? E che i matrimoni misti non si dovrebbero fare? Si può avere la libertà di licenziare qualcuno solo perché induista? E di fare violenza fisica, verbale e/o psicologica a qualcuno solo di origine asiatica? Si possono limitare le libertà e i diritti civili e umani di qualcuno solo perché non si è d'accordo col suo modo di essere? Si possono diffondere falsità scientifiche danneggiando gli altri? Mi dispiace, ma c'è un limite anche alla libertà di parole. Voi usate due pesi e due misure solo perché vi fa comodo.

    Sono contrario al matrimonio fra un bianco e una nera perchè me lo dice la mia religione = REATO.
    sono contrario al matrimonio fra un ebreo e una cattolica perchè me lo dice la scienza = REATO

    sono contrario al matrimonio fra un uomo e un uomo perchè me lo dice la mia religione = OPINIONE

    sono contrario al matrimonio fra una donna e una donna perchè me lo dice la scienza = OPINIONE

    Gli ebrei vanno curati perchè sono perfidi = REATO

    I neri vanno curati perchè inferiori = REATO

    Gli omosessuali vanno curati perchè malati = OPINIONE

    Le unioni interreligiose sono deboli e deviate, un male sociale = REATO

    Le unioni interraziali sono deboli e deviate, un male sociale = REATO

    Le unioni omosessuali sono deboli e deviate, un male sociale = OPINIONE

    Un bambino che cresce in una famiglia i cui genitori hanno religioni differenti crescerà psichicamente deviato e con problemi sociali = REATO

    Un bambino che cresce in una famiglia i cui genitori hanno razze differenti crescerà psichicamente deviato e con problemi sociali = REATO

    Un bambino che cresce in una famiglia i cui genitori hanno lo stesso sesso crescerà psichicamente deviato e con problemi sociali = OPINIONE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Notare, tra l'altro, che i "me lo dice la scienza" sono falsi. La scienza dice tutt'altro, la scienza è contro l'omofobia, la scienza non è contro il matrimonio egualitario (che comunque è un contratto sociale e quindi non richiede l'approvazione della scienza) né contro l'omogenitorialità. Il punto è che chi spara certe cavolate o tira in ballo Dio (peccato che lo stato debba teoricamente essere laico e quindi indipendente dalle varie concezioni religiose) o a natura (a sproposito e senza conoscerla bene) o pseudo-scienziati ridicolizzati dall'intera comunità scientifica.

      Elimina
  12. Alida Vismara posta la sua pubblicita' in ogni spazio si parli a tema. Faccio notare: in un articolo dove si parla di curare gay, bisex, varie ed eventuali, con ippoterapia in uno stato americano, la sigra commenta sostenendo:Alida Vismara 01/03/2013 alle 13:44:40
    La sessualità è legata alla mente. C'è gente che diventa omosessuale solo perchè per un banale motivo crede di esserlo. Perciò anche chi si convince che con i cavalli cambia l'orientamento sessuale, può cambiarlo veramente. Il cambiamento di orientamento sessuale ora è anche scientificamente confermato grazie alla nuova scienza sulla neuroplasticità oltre alle migliaia di testimonianze in tutto il mondo. http://www.youtube.com/watch?v=AS0i4_Fv40A
    DIFFONDERE E CHI DI COMPETENZA PRENDA DOVUTI PROVVEDIMENTI.

    RispondiElimina
  13. http://pontilex.org/2013/10/guardatevi-le-spalle-dalla-casalinga-anti-gay/ quelle di alida vismara SONO bugie. è campione nello sport di falsificare dati, ricerche e inventarsi statistiche inesistenti pur di paragonare pedofilia e omosessualità. ma del resto, è un affiliata della narth. guardatevi le spalle dalla casalinga anti gay.

    RispondiElimina