26 luglio 2013

Salviamo il Papa dall'abbraccio mortale dei leccapiedi

di Marco Mancini

Mi ero ripromesso di conoscere meglio Papa Francesco, che a mio avviso rimane ancora un enigma per tutti, a partire dal suo primo viaggio internazionale, in terra brasiliana. Per carità, non è che il format della GMG mi sia particolarmente congeniale, ma si tratta comunque di una di quelle occasioni in cui alle parole del Pontefice viene fornita un’abbondante copertura mediatica.

Il problema, però, sta proprio nella copertura
: si avrebbe voglia di ascoltare la viva voce del Papa senza tagli, senza civetterie, senza sintesi indebite, senza strumentalizzazioni. Invece no. All’arrivo di Francesco in Brasile mi è toccato sorbirmi la diretta di Tv2000, con i commenti da civettuole dei cronisti in studio, compreso il direttorissimo Dino Boffo. E quante persone, e come è bella l’utilitaria, e questo Papa sorprende sempre, e quanto piace alla gente, uh che ventata di aria fresca, oddio guarda come bacia quel bambino, mamma come siamo emozionati. Era Tv2000, ma pareva MTV, tanto che a un certo punto, per porre fine all’agonia, ho schiacciato il tasto “muto”.

Ieri sera, non pago della precedente esperienza, ho avuto il fegato di sintonizzarmi su “Porta a Porta”. Del resto, avevo fiducia nello stile istituzionale del Bruno nazionale. Inutile dire che la doccia è stata non gelata, di più. Nello studio di quella che fu la terza Camera della Repubblica, il redivivo Riccardi, reduce dalla fallimentare esperienza del Governo Monti, l'improvvisato esperto di cose cattoliche Massimo Franco e un prete in borghese che evidentemente si vergogna del suo sacerdozio hanno sparso rifiuti tossici in grande quantità. Questo è un Papa, ha avvertito il boss di Sant’Egidio, che a differenza del passato ha con sé il popolo. Certo, ha rincarato Franco, e proprio questo farà la differenza nella sua battaglia per le non meglio precisate “riforme” (se non riescono in Italia, almeno cerchiamo di farle in Vaticano). Com’è bravo questo Papa, non scomunica nessuno, anzi ci invita a riscoprire la dimensione della diaconia, cioè del servizio, e la vocazione dialogica, ha soggiunto in perfetto clericalese il sacerdote-che-odia-se-stesso. Certo – è poi intervenuto Vespa con una sorta di onore delle armi – le cose sono cambiate dai tempi di Benedetto XVI, quando “in aereo gli facevano una domanda sul profilattico, una sulla pedofilia e il viaggio era già finito lì”.

Dopo quasi un'ora di sproloqui, ovviamente, Cristo non era ancora stato nominato. E io mi sono innervosito, tanto che neanche l’immagine del Pontefice in mezzo a due ali di folla, che di solito mi coinvolge sempre (parafrasando san Josèmaria Escrivà, “è Gesù che passa”), è riuscita a calmarmi. Anzi, l'ho sentita quasi come estranea. Alla fine sono arrivato a una conclusione. Ho capito che, per continuare a farmi piacere questo Papa, devo smettere di sentire quello che i media dicono di lui. Occorre leggere o ascoltare solo fonti di prima mano, isolarsi dal contorno. Ignorare i truffaldini che si ritagliano un Papa a proprio uso e consumo. “Non porto con me né oro né argento, ma porto Cristo”, ha detto Bergoglio nel suo primo discorso in terra brasiliana. Non merita considerazione chi si concentra solo sulla prima metà della frase, trascurando quella che, come ci ha ricordato il Vangelo di domenica scorsa, è “la parte migliore”, che non ci sarà tolta.

Il Papa continuerà, nonostante tutto, ad annunciare Cristo, attraverso di lui noi continueremo ad ascoltare “parole di vita eterna”. Nel discorso di ieri alla favela di Varginha, Francesco ha affrontato anche il tema dei principi non negoziabili: “certamente è necessario dare il pane a chi ha fame – ha detto -; è un atto di giustizia. Ma c’è anche una fame più profonda, la fame di una felicità che solo Dio può saziare. Fame di dignità. Non c’è né vera promozione del bene comune, né vero sviluppo dell'uomo, quando si ignorano i pilastri fondamentali che reggono una Nazione, i suoi beni immateriali: la vita, che è dono di Dio, valore da tutelare e promuovere sempre; la famiglia, fondamento della convivenza e rimedio contro lo sfaldamento sociale; l’educazione integrale, che non si riduce ad una semplice trasmissione di informazioni con lo scopo di produrre profitto; la salute, che deve cercare il benessere integrale della persona, anche della dimensione spirituale, essenziale per l'equilibrio umano e per una sana convivenza; la sicurezza, nella convinzione che la violenza può essere vinta solo a partire dal cambiamento del cuore umano”. Nessuno ne ha parlato, facciamolo noi. Impariamo ad apprezzare e diffondere il suo Magistero, esprimiamo pure i nostri dubbi e le nostre riserve se necessario, ma lasciamo alla futilità delle loro chiacchiere i laudatores interessati. Abbiamo un mondo da evangelizzare e non è proprio il caso di farsi il sangue amaro.
 

3 commenti :

  1. Ieri il Papa ha detto: il problema non sono i gay, ...se uno ha quella tendenza chi sono io per giudicarlo... il problema sono le lobby. La cosa ha mandato in estasi tutti i sostenitori della legge contro l'omofobia ed i tifosi del matrimonio omosessuale. A ciò si aggiunga la durissima repressione silenziosa operata dal Papa che non scomunica nessuno, verso i Francescani dell'Immacolata a cui è stato imposto il divieto a celebrare in Rito Extraordinario, senza comunicare alcuna motivazione nota o plausibile.

    Questa notizia però i media non la hanno molto diffusa.

    Io personalmente prima ero disorientato dal magistero strano di Francesco, adesso invece sono preoccupato. Temo che presto avremo le diaconesse, la comunione ai divorziati, la distribuzione di profilattici gratuiti marcati caritas mentre il Vescovo di Roma balla il flash mob coi vescovi italiani (quelli brasiliani già sono "padroni" della nuova pastorale danzereccia.

    Che Dio ci scampi.

    Frà Cristoforo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda che la comunione ai divorziati c'è già.
      Per una solida giustificazione teologica puoi rivolgerti a mons. Fisichella o ai vari berlusconiani di questo blog.

      Elimina
    2. Caro Anonimo, hai ragione: la Comunione è possibile per tutti i divorziati, purché non risposati o conviventi more uxorio.
      Quanto al resto, lasciamo cadere la tua provocazione nel vuoto. A presto risentirti!

      Elimina