12 dicembre 2013

Crociata di Rosari per l'Italia. E per i Francescani dell'Immacolata

di Satiricus

L'Immacolata vive un indubbio momento di crisi. Inutile nascondercelo. Primo grande segno è la foga satanica che si è abbattuta su uno dei suoi migliori monumenti viventi: l'ordine dei Francescani dell'Immacolata. 

Sulla dura prova che i frati azzurri vanno subendo - e in parte auto-infliggendosi - in questi mesi, è stato scritto tanto in diverse salse, da persone esperte, e persino su questo blog. Si sono alternate letture politiche di 'destra' e di 'sinistra'; j'accuse e petizioni (la più recente, promossa da Roberto de Mattei e volta a ottenere le dimissioni del commissario padre Fidenzio Volpi, è reperibile qui); esegesi sedevacantiste e stroncature anti-curiali. Più di uno, assai giustamente, ha ricordato il profilo spirituale e soprannaturale dell'evento: come a tutti i grandi santi, così anche a questo Ordine di uomini di Dio doveva capitare di subire una dura prova espiatrice e purificatrice.
Non ricordo però che alcuno abbia circostanziato ulteriormente il riferimento mistico, precisamente soffermandosi sul fatto che i frati sono votati appunto all'Immacolata. Ci riflettevo domenica scorsa, ricorrenza della meravigliosa solennità mariana: non è un caso se Dio permette questo nuovo scandalo ecclesiale proprio attorno al nome immacolato della Vergine. Credo faccia parte di quello scatenamento diabolico, il cui corno più esplicito si vede invece – sostenevo nell’ultimo mio articolo – nella furia irrazionale e anti-vitale dell’omosessualismo di Stato.
Oggi però non scrivo per recensire o riflettere. Scrivo per rilanciare da questa pagina l'appello di Blondet: affidare a una nuova crociata di rosari la salvaguardia dell'ordine religioso e morale italiano, chiedendo però di integrare esplicitamente nell’impresa l'intenzione per la reintegrazione dell'Ordine francescano dell'Immacolata.
Ma perché ritenere questa urgenza? Per dare voce all’osservazione soprannaturale di cui sopra, certo. Ma non solo. L'apprensione per le sorti dei fraticelli che si salutano all'esclamazione soave di "Ave Maria!" non è semplice partigianeria. Anzi, direi che è l'opposto della partigianeria. Ne è l'antidoto. E' cioè l'opposto di quella sciatteria materialmente eretica (Dio non voglia lo sia pure formalmente) cui ha dato ennesima espressione don Ciotti. Prontamente rilanciato dalle pagine web di Repubblica, sta facendo il giro degli schermi il video deprimente della santa Messa da lui celebrata lo scorso 8 dicembre in ricordo del defunto don Gallo.

Messa intrinsecamente santa, ma manifestamente ambigua, nella quale non è stato chiaro a chi spettasse il primato d’adorazione: se a nostro Signore, alla sua Madre Immacolata, a don Gallo, ai suoi derelitti, o a don Ciotti (novello Gallo, aspirante Eliseo o più probabilmente contro-figura pseudo-mistica di Renzi nel giorno delle primarie PD?). Unica cosa chiara è l'imbarbarimento cultuale e culturale del consesso partigiano - e in questo senso, dicevo, alla partigianeria mi oppongo - in cui il compagno Presidente intona una ambigua Bella Ciao. A chi? Alla Madonna? Spero di no.
Ed è dunque contro tale decadenza antropolatra e priva di gusto che un Ordine umile ma serrato come i FFI di p. Manelli rappresenterebbe l'efficace alternativa. La miglior contro-rivoluzione. Sufficientemente franceschiana da piacere pure al Papa.
Chiudo con un inno. Don Ciotti, riferiscono le testate, ha usato l’Ave Maria di De Andrè. Io piuttosto avrei usato Eden di Paolo Conte. Più schietto. E maggiormente in tono con il dittico patristico della festa (Maria novella Eva, diceva Giustino). In definitiva – state quieti - né De André né Conte. Noi che abbiamo avuto la pazienza di riscoprire senso ed efficacia di un rito alto e plurisecolare, non temiamo la citazione di musiche vertiginose. Musiche che non moriranno con noi, coi nostri pallidi successori, coi nostri pavidi persecutori. Tremendamente umane eppur quasi divine. Realmente mariane.

 

2 commenti :

  1. Onore al camerata Satiricus!

    RispondiElimina
  2. Oltre a le crociate di cui sopra. Aggiungerei una crociata del Rosario affinché mons. Piero Marini non venga nominato alla congregazione per il Culto Divino.

    Micus

    RispondiElimina