12 marzo 2014

E dopo un colpo, sparagli ancora. Gli abortisti contro l'obiezione di coscienza

di Ilaria Pisa

Dopo più di tre anni dall'episodio, una giovane donna denuncia e racconta di come si sia trovata in condizioni drammatiche e precarie ad abortire il figlio malato, priva dell'assistenza medica necessaria in quanto tutti i sanitari in servizio al momento erano obiettori (qui la sua storia in forma di intervista).

Premessa d'obbligo: la sofferenza solitaria, in questo caso della madre non assistita durante la fase conclusiva dell'aborto, è qualcosa di tragico. Non a caso, la Chiesa ha sempre posto particolare attenzione nell'accompagnare con delicatezza e compassione i malati, anche cronici, i minorati e gli anziani con un'assistenza che guarisse la solitudine prima che il dolore o l'impedimento fisico.

Tuttavia, se si cerca di astrarre dai toni pelosamente ricchi di pathos che Repubblica adotta - del resto, la vulgata per cui "il buon medico non obietta" dà molto lustro, e nella redazione del noto quotidiano tutti tengono famiglia, per cui la linea editoriale, anche se abnorme, si rispetta - se si cerca, dicevo, di astrarre da chi vorrebbe indurre nel lettore un sentimento di sacro furore nei confronti dei medici crudeli (basta leggere i commenti in calce all'articolo), questa vicenda appare molto strana. Non strana perché devii rispetto al pensiero unico dominante, di cui invece ricalca fedelmente il copione, ma strana perché è un tale concentrato di valori capovolti, un tale distillato di antiumanità, che è curioso come gli stessi protagonisti, a qualche anno di distanza e superato il comprensibile shock, non se ne siano resi conto.

1. La sfortunata protagonista ha una malattia genetica trasmissibile. Vorrebbe avere un figlio attraverso le procedure di PMA: e guai a discutere il "diritto" al figlio. Un diritto potestativo. Talmente potestativo che è un diritto al figlio "sano". In poche parole, il nascituro deve essere creato a tavolino, perché chi mai ordinerebbe al grossista una partita di prodotti difettosi? Ed è qui che subentra la prima difficoltà: la legge 40 consente sì di costruirsi il figlio, ma non consente di costruirlo su misura (perché la diagnosi preimpianto è vietata). Una legge crudele, dunque.

2. Doppiamente crudele l'ordinamento che non consente un'eugenetica come si deve: che senso ha COSTRINGERE (tale è il termine impiegato dalla donna) la madre all'aborto, quando basterebbe eliminare l'embrione difettoso prima dell'impianto? Insomma, la donna già vede frustrata la sua voglia - pardon, il suo diritto - alla maternità; già subisce la sgradevole sorpresa di avere in pancia un prodotto difettato; a quel punto - ed è già il quinto mese - è obbligata ad eliminarlo. Non può fare altro. Il figlio non funziona e la garanzia è scaduta: si può solo buttare. Che dal punto di vista giuridico e morale sia evidente l'illogicità e l'incongruenza della legge 40, alla luce della 194, è un punto su cui il consenso è trasversale: lo dicono tanto i prolife più coerenti, quanto i prochoice più convinti. Quando la CEDU si pronunciò in materia, aveva sul punto perfettamente ragione (v. qui per un caso più recente).

3. Postilla. Ci dicevano una volta - beata innocenza democristiana - che l'aborto era per la donna una scelta tormentata e dolorosa. Qui vediamo che l'aborto è più il fastidioso onere burocratico di chi ha scoperto che nel pacco del corriere non c'è la merce ordinata: si potrebbe forse fare qualche riflessione al riguardo, così come sul tema sempre sollevato - e sempre snobbato - dell'aborto ad nutum, come è oramai nel nostro ordinamento; poco più che una contraccezione d'emergenza. Guai però a dirlo troppo forte, c'è sempre qualche coro di barbaredurso pronte a scandalizzarsi per tanto cinismo.

4. Riprendiamo il filo della vicenda: poiché assurdamente l'Italia consente di fabbricare il figlio, ma non di scartarlo prima che venga impiantato in utero, e però permette di ucciderlo con il pietoso aborto terapeutico, la donna si accinge ad abortire ed entra in ospedale. Per dare un po' di colore alla vicenda, Repubblica non manca di sottolineare che la procedura (iniziata ovviamente da sanitari non obiettori) è molto più dolorosa del previsto. E' anche molto lunga: i turni del personale si avvicendano e quando il feto ucciso sta per essere difficoltosamente espulso dal corpo della madre, tutti i sanitari in servizio sono, a quanto risulta, obiettori. La donna rimane pertanto "sola" ad abortire nel bagno, assistita unicamente dal marito. L'avvocato della donna ipotizza in ciò una violazione della legge 194 e l'integrazione dell'omissione di soccorso, ma il comma 3 dell'art. 9 della legge sull'IVG sancisce che "L'obiezione di coscienza esonera il personale sanitario ed esercente le attività ausiliarie dal compimento delle procedure e delle attività specificamente e necessariamente dirette a determinare l'interruzione della gravidanza, e non dall'assistenza antecedente e conseguente all'intervento". Ma, finché il bambino morto non esce, direi che l'intervento non sia concluso e non si possa quindi parlare di "assistenza conseguente" (e peraltro l'ospedale ha fornito una versione differente).

5. Il capro espiatorio di questa storia è l'altissima percentuale di medici obiettori nella regione in cui la vicenda si è svolta (il Lazio). Non ho personalmente le conoscenze necessarie ad affermare, come molti fanno forse fondatamente, che questa alta percentuale non denoti fedeltà al giuramento di Ippocrate ma fedeltà al portafogli, rimpinguato dagli aborti effettuati privatamente (e a pagamento) da obiettori con poca coscienza. Non posso quindi escludere che un simile marciume sia autentico. Voler però contrastare un abuso eliminando l'obiezione di coscienza o limitandola fortemente, ossia di fatto obbligando il personale sanitario a uccidere, simultaneamente rendendo il medico simile a un militare in tempo di guerra (il pericoloso nemico, ovviamente, è il bambino) e costringendolo a violare frontalmente il giuramento pronunciato all'atto di prendere servizio, è qualcosa di abominevole. Non in nome della libertà di coscienza di cui l'obiezione è divenuta bandiera, ma in nome del "non uccidere". Essere costretti a fare ciò che è universalmente proibito è un monstrum giuridico.

Di cose abominevoli, peraltro, in questa triste vicenda ce ne sono a iosa. Certi giornalisti, poi, dell'abominio fan pastura. "A me questa legge ingiusta concede solo di rimanere incinta e scoprire, come poi è avvenuto, che la bambina che aspettavo era malata, condannata", dice la madre, dimenticando forse che la sentenza capitale per la figlia è stata lei a pronunciarla, e dimenticando altresì che se qualcuno avesse scoperto prima della sua nascita che il suo DNA presentava i segni del male, adesso lei non sarebbe qui a fare la paladina dei "diritti" parentali. Ma sono dettagli.

"Già una arriva in ospedale disperata, perché in quel figlio ci hai creduto e sperato per cinque mesi, poi ti mettono ad abortire a fianco delle neo mamme e senti i bambini piangere, uno strazio. In più, mentre ero lì stravolta dal dolore entravano degli attivisti anti aborto con Vangeli in mano e voci minacciose", continua l'edificante intervista. In effetti, per chi si accinge a uccidere il proprio figlio negando forse a se stessa che quel figlio sia una persona, vedere accanto a sé che altre donne non si sono trovate a proprio agio nelle vesti di Medea, è un bel colpo; sia mai però che la verità delle cose induca resipiscenza. Se i fatti urlano, tanto peggio per i fatti, bisogna turarsi le orecchie. Quanto agli attivisti prolife, è appena il caso di ricordare quanto siano minacciosi e pericolosi, come Giorgio Celsi può ben confermare.

"Il responsabile è lo Stato che non garantisce un servizio sanitario adeguato. Nel Lazio quasi tutti i ginecologi sono obiettori. Pensate la desolazione che troppi devono vivere, obbligati a implorare per un ricovero, per abortire, come me, un figlio desiderato". Mi viene in mente un recente servizio di El Paìs, intitolato "un aborto si compie con lo stesso amore con cui si compie un parto": il figlio è persona, è fortemente desiderato, è già amato prima della sua nascita, e però proprio per questo - diabolica perversione della logica - viene ucciso, anzi DEVE essere ucciso. A volte invidio gli abortisti, che della logica aristotelica possono fare coriandoli.

Gettiamo la maschera. Assodato che il presente regime legge 194/legge 40 è contrario al principio di ragionevolezza, bisogna avere il coraggio di affermare che generazioni di donne sono state prese per i fondelli, che l'aborto non deriva da un sofferto bilanciamento di diritti, che la lotta all'aborto clandestino era uno specchietto per le allodole e che tutto quello che interessava era rendere le madri delle lucide assassine della propria prole. La vicenda di Roma lo mostra in maniera esemplare. Io voglio un figlio sano, il figlio malato lo rifiuto, lo uccido, e visto che ucciderlo dopo mi fa più male, meglio prima che poi (del dolore fetale, nessun accenno, anche se è intuitivo che un aborto al quinto mese non sia la migliore esperienza possibile per un feto, e del dolore fetale si parla da vent'anni). In questo lucido e insieme folle percorso verso la morte, il medico obiettore (preghiamo che sia un'obiezione autentica e non dettata dall'avidità) è un noioso ostacolo, come lo è il farmacista che non vuole vendermi una pillola dell'x-giorno dopo. Un ostacolo su cui riversare biasimo e odio. Un molesto convitato di pietra, che non può impedire l'omicidio ma solo astenersi dal compierlo.

Eppure è uno dei mantra degli abortisti: libertà di scelta, libertà di autodeterminazione, ciascuno sceglie in coscienza, se non vuoi abortire nessuno ti obbliga a farlo. A meno che tu sia ginecologo.
 

15 commenti :

  1. pare che la notizia sia tutta una bufala, costruita atavolino per affiancarsi alla decisione di Strasburgo sull' obiezione di coscienza im Italia. Cfr anche Repubblica di oggi.
    In Francia vogliono limitare la liberta' di coscienza dei sindaci contro le mariage pour tous. La sinistra non si smentisce: hai ragione alla tua liberta' di coscienza, ma solo see' d' accordo con le mie leggi.
    Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diamo per buona la vicenda in sé, pur con le necessarie cautele (parzialità di Repubblica, smentite e rettifiche dell'ospedale, meccanismo dello "scoop a orologeria"...)

      certo lo strabismo sulla c.d. libertà di coscienza è grande. andrebbe chiamata oramai libertà di incoscienza.

      Elimina
  2. Solo un appunto: " ... la Chiesa ha sempre posto particolare attenzione nell'accompagnare con delicatezza e compassione i malati, anche cronici, i minorati e gli anziani con un'assistenza che guarisse la solitudine prima che il dolore o l'impedimento fisico." Vero. Ma lo stesso comportamento non è previsto per chi uccide il proprio figliolo e per di più ha pure la spudoratezza di reclamare mancata assistenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. in effetti la madre del racconto non rientra nelle categorie dei sofferenti innocenti, ma se si pensa ai conforti spirituali forniti anche a carcerati e condannati a morte... :)

      Elimina
  3. 74 minuti e mezzo di applausi

    RispondiElimina
  4. Npn solo sono abortisti quelli ( che già basterebbe per meritarsi una macina al collo) ma pure falsi e maledettamente vigliacchi.
    Immaginate se dovessero arrivare al potere???

    RispondiElimina
  5. Una vicenda umana veramente tragica: senza dubbio la donna e l'uomo debbono essere ancora sconvolti se quello che dicono è tutto vero ( iniziare un aborto e poi essere lasciati soli? è pazzesco? ).
    Però i medici l'aborto l'hanno iniziato c'erano: è tutta una questione di organizzazione dei turni?
    Se l'hanno mandata ad abortire non controllando se poteva farlo hanno fatto un errore amministrativo? O di procedura?

    Insomma... se questa cosa sconvolgente viene fuori dopo tre anni è perchè vuoi dei diritti oppure perchè vuoi dei soldi?

    RispondiElimina
  6. Onore alla camerata Ilaria!

    EMR

    RispondiElimina
  7. Manlio Pittori13 marzo 2014 15:31

    Mah, che dire? Io posso solo ringraziare di avere avuto tre figli sani e di non essere più nelle condizioni di dover affrontare la legge 194 e la legge 40. Personalmente considero le leggi in materia di aborto, fecondazione assistita e fine vita dei mali necessari, perché ognuno dovrebbe essere libero di decidere (senza la camicia di forza di norme ideologiche) cosa fare della propria vita. Perché, anche se ve lo dimenticate, nel caso - ad esempio - di un bambino affetto da una grave malattia c'è anche la vita dei genitori, che deve essere presa in considerazione. Ho visto troppi casi di famiglie devastate dalla presenza di figli gravemente cerebrolesi per considerare l'aborto un omicidio tout court.

    In questi casi, personalmente adotterei il principio, vecchio come il mondo, dello stato di necessità: e l'unico che può giudicare, in questi casi, è la persona che dovrà reggere per tutta la vita il peso di un figlio da accudire totalmente, ventiquattro ore al giorno 365 giorni all'anno.

    L'alternativa, mi pare, è rendere obbligatoria (con relativa sanzione) la conclusione della gravidanza: ma voi di questo non parlate. Vi fermate agli slogan: "l'aborto è omicidio", "il feto è un essere umano". Ma sono esseri umani anche le madri (e, se ci sono, anche i padri) condannati a vita ad assistere un bambino e a rinunciare a tutto per lui.

    Non condanno chi non se la sente di scegliere un simile calvario. Voi, invece, mi pare abbiate la condanna facile; in ogni caso, chi vuole rendere l'aborto illegale deve spiegare come intenderebbe sanzionare chi violasse il divieto di aborto.

    Se qualcuno riesce a spingersi fin lì e a darmi una risposta, eterna riconoscenza.

    Grazie.

    Manlio Pittori

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le posizioni della Chiesa ( che, essendo cattolico sono anche le mie ) sono molto dure da capire e severe, però sono credute giuste da chi è cattolico. E io le credo giuste. Così come credo ingiuste quelle che confliggono con esse ( ovviamente ). Non si possono emanare leggi che si ispirino a due o più sistemi contrapposti, bisogna scegliere quale è la filosofia dello stato.

      " l'unico che può giudicare, in questi casi, è la persona che dovrà reggere per tutta la vita il peso di un figlio da accudire totalmente, ventiquattro ore al giorno 365 giorni all'anno." dici, ed in parte sono d'accordo. Mi spiego però. Io penso che il primo " padre " di una persona sia Dio, il secondo sia lo stato, il terzo il padre naturale. Questo per un motivo pratico e filosofico: il primo è Dio perchè è la prima causa della vita, inoltre cura ogni persona per tutta la vita senza mai abbandonarla, cosa che alcuni padri non fanno ( anche se la maggior parte delle madri non abbandona i propri figli il discorso è lo stesso, talune lo fanno ). Il secondo è lo stato perchè ha la il suo potere da Dio e perchè, vivendo a tempo indefinito e avendo potere assoluto sul proprio territorio, può curare ogni persona dalla nascita alla morte. Il terzo è ovviamente il padre biologico, che prende la sua autorità da Dio sotto la tutela dello stato e che dovrebbe idealmente provvedere ai figli fino alla loro indipendenza.

      Siccome Il padre biologico non ha spesso ampi mezzi nè è immune da malattie e disgrazie, interviene in sua mancanza lo stato che tutela il figlio. In caso di gravi decisioni ( aborto ) credo che la decisione spetti allo stato perchè egli ha i mezzi per provvedere assieme al padre naturale al figlio malato, secondo la volontà di Dio.



      Ora mi chiederai se sono comunista? Alcuni lo fanno talvolta.

      Elimina
    2. Manlio Pittori15 marzo 2014 13:51

      Gentile OlatusRooc,

      l'ultima cosa che mi viene da chiederle è se lei sia comunista: mi sembra che di tutto la si possa accusare, fuorché di essere comunista.

      E credo che i comunisti abbiano moltissime colpe, tra le quali mi pare non figuri l'annoverare tra le loro fila una persona che, come lei, antepone all'individuo non solo lo Stato (da buon bolscevico) ma anche Dio (da buon integralista religioso).

      Un destino che non sarebbe venuto in mente neanche alla buonanima di Pol Pot.

      Distintamente,

      Manlio Pittori

      Elimina
  8. La legge verrà cambiata, prima o poi, con o senza il consenso di Ilaria; E' solo che non le va di passare da reazionaria: è difficile, però, passare per moderna se scrivi su campariedemaistre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi è reazionario anche lei?

      Niky

      Elimina
    2. ne è fiera, come tutti quelli che scrivono su CEDM; "reazionario" è un insulto per me non per Ilaria

      Elimina