19 maggio 2014

Pas de Charité sans Vérité

di  don Mauro
E’ stato suggestivo, decisamente suggestivo partecipare alla conferenza tenutasi a Palazzo Isimbardi giovedì 15 maggio, presente un ospite di eccezione: Philippe Ariño. Chi è Philippe? Se cerchiamo su Internet scopriamo trattarsi di un omosessuale francese molto attivo nella contestazione del pensiero dominante LGBT nonché propugnatore di uno stile di vita conforme alla morale Cattolica. Potremmo anche aggiungere che aderisce e supporta con vigore associazioni e movimenti quali Homovox o la Manif pour tous. Con tutto ciò non faremmo però onore al nostro. Chiediamo a lui prima che al web come si presenti e otterremo una risposta diversa: io sono un “figlio di Dio, una persona”. Se poi, un po’ colpiti dalla discrepanza di identikit racimolati, insistessimo nel chiedergli se lui è omosessuale, rischieremmo una risposta spiazzante: per favore, smettiamola di parlare di omosessuali.

Una tesi dirompente, che va ovviamente al di là della pura e semplice descrizione da manuale e si pone subito nell’orizzonte di una precisa azione antropologica, pastorale e politica: lasciamo cadere i termini eterosessuale ed omosessuale, in quanto tengono vivo il senso di differenza e alimentano la rivendicazione anti-omofoba; ricominciamo a parlare di persone, perché ognuno riscopra l’identità che lo costituisce nel profondo, e nessuno più si fermi a identificarsi a quel livello importante ma parziale che è la sua sessualità.

Io resto spiazzato da questa proposta. Del resto è la serata nel suo complesso che si presenta in modo traumatico, cominciando dagli esordi: arrivo alla conferenza giusto giusto in tempo, con me due amici legati all’associazione Scienza & Vita. Nessun manifesto. Camionetta della polizia e agenti in borghese dentro e fuori il chiostro. Nessuno che sappia dove sia l'incontro. Qualcuno si sbottona: “siete in anticipo”, ma mancano sì e no cinque minuti. Dopo almeno quattro tentativi, finalmente capiamo qual è la sala, ci avviciniamo e chiediamo, i due gorilla sulla soglia fingono di non sapere, ci scrutano, intuiscono che siamo pacifici – non so quanto sia merito dell’abito clericale – e ci fanno accedere. Dietro la porta altri quattro ci squadrano. Si fanno dei cenni: possiamo passare. “Non ci aspettavamo questa sorveglianza, forse hanno ricevuto delle segnalazioni” ci confida il prof. Marco Invernizzi, responsabile di Alleanza Cattolica per la Lombardia e il Veneto, tra gli organizzatori della serata. In effetti non si registra alcuna protesta, ma il fatto basta a dire del clima di pressione cui sono sottoposte certe categorie: gli omosessuali contrari alle lobby gay anzitutto, ma anche tutte le associazioni che lavorano a loro sostegno, alcune delle quali presenti in sala: Operazione Chaire; i responsabili del gruppo AGAPO (Associazione genitori amici persone omosessuali); il dottor Giancarlo Ricci; rappresentanti delle Sentinelle in Piedi, e appunto Alleanza Cattolica (promotrice della conferenza insieme ad Operazione Chaire).

Ma a scioccarmi davvero, come anticipavo, sono proprio le parole di Philippe. Non nego di essermi infilato in sala alla ricerca di qualche strategia da spendere in risposta al dilagante Effetto Scalfarotto, e invece ho raccolto una splendida testimonianza circa la ricchezza personale di un uomo. Un uomo prima che un omosessuale. Un uomo capace di nominare quella ferita che lo accompagna continuamente circa la sua identificazione sessuale. Un uomo pacificato: non dall’accettazione disinibita delle proprie pulsioni affettive (a suo dire insoddisfacibili), bensì rigenerato da un impegno di vita casto secondo i consigli prudenti della Chiesa Cattolica.


Non vado oltre, ma prometto a Redazione e affezionati di C&dM una prossima recensione di “Omosessualità Controcorrente”, l’ultimo libro di Ariño. Si annuncia un bel testo, a partire dalle dediche: “A Benedictus (il mio nonno del Cielo e della terra)”. Benedictus è Benedetto XVI, il Papa della carità nella verità. Ed è proprio così che ci salutiamo io e Philippe, un abbraccio, una foto e un autografo personalizzato: “Caro Marco, pas de Charité sans Vérité!” E mi ha stupito questa frase. Mentre le militanze gay si ostinano a strumentalizzare le dichiarazioni di Papa Francesco circa la “misericordia” o il “chi sono io per giudicare”, Philippe chiede proprio un giudizio, perché l’omosessuale  - come ogni persona - “ha bisogno di qualcuno che gli dica la verità” circa se stesso, circa la Vocazione cui è chiamato. Da lì può nascere la carità! Per questo la serata culmina in un appello agli omosessuali eventualmente presenti: “Usate la vostra omosessualità come motore verso la santità a servizio di qualcosa di grande. Nessuna ferita è inutile, dunque utilizzatela. Ciò vi permetterà di donarvi e quindi di essere felici”.
 

6 commenti :

  1. Onore al camerata (don) Marco!

    EMR

    RispondiElimina
  2. don Marco B.... hmm... non ha un cognome?

    (anticipo la risposta, sì sono anonimo, ma io non mi arrogo il diritto di pontificare su internet)

    RispondiElimina
  3. In compenso si arroga il diritto di rompere i c.oni.
    Paolo Maria Filipazzi (Nome, secondo nome e cognome: contento?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rompere i coni? e che sono un gelataio?

      ora che so il tuo nome, secondo nome e cognome, posso sapere anche quello di don Marco B? sai, uno che si firma pure con il "don" in modo da dare una parvenza di autorità ecclesiastica ai suoi scritti potrebbe avere la decenza di scrivere il proprio cognome...

      Elimina
  4. Ed uno che intima ad un altro di tirare fuori le generalità potrebbe iniziare a dare le sue, così, per non cadere nel ridicolo...
    PMF

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tu potresti leggere quello che ho già scritto:

      "(anticipo la risposta, sì sono anonimo, ma io non mi arrogo il diritto di pontificare su internet)"

      ok, svolto anche questo servizio, si può sapere per cosa sta il "B."?

      Elimina