05 settembre 2014

L'ateismo, ovvero l'ultima superstizione

di Riccardo Zenobi


Nell’odierno dibattito culturale in occidente, quando non si parla di “diritti gay”, la scena è pressoché monopolizzata da certe figure, a metà tra lo scienziato e il filosofo, che dall’alto di una loro specializzazione si mettono a parlare di tutti gli argomenti “caldi” che si possano concepire; ovviamente a modo loro. Sto parlando dei sedicenti guru delle nuove generazioni, i “new atheists”: i vari Odifreddi, Onfray, Dawkins, Dennet, Hitchens, Hack e compagnia bella. Nonostante ognuno di essi sia specializzato solo in una materia, sia essa la matematica, la biologia o, nel caso di Dennet, la stessa filosofia, non esiste dibattito pubblico in cui non intervengano. Come detto, si occupano di tutti gli argomenti possibili, ma “a modo loro”, parlando spesso di religione. Ma mostrando un odio inviperito per tutto ciò che non rientra nelle loro teorie e una ignoranza imbarazzante su tutto ciò che non riguarda le loro teorie.


Il libro che veniamo ora a recensire, "The last superstition – a refutation of the new atheism", di Edward Feser1, intende appunto mettere in luce come tutti costoro siano una massa di ignoranti totali a livello filosofico, che piuttosto di controbattere in questo campo preferiscono utilizzare argomentazioni “ad hominem”, sputando sull’avversario e caricaturandone le credenze.

Nella prefazione l’autore espone i due motivi principali per cui ha scritto il saggio: in primis, è stato disgustato da come i new atheists trattano ogni cosa che non rientra nel loro sistema come semplice “fede” intesa come “volontà di credere senza argomenti”; in secondo luogo, è stato disgustato da come certi scrittori religiosi o conservatori difendano la “fede” stessa, accettando la definizione che viene data dai primi. Il saggio vuole esporre come il nuovo ateismo e la visione scientista e materialistica del mondo si siano generati da un errore filosofico, il quale ha partorito dopo qualche secolo l’ideologia liberal propugnata dai new atheists, con le conseguenti applicazioni nella società occidentale e altre metastasi nel mondo.

Il primo capitolo intende fare il punto del problema: new atheists mostrano una ignoranza totale del pensiero filosofico e della sua storia, ed è solo su questa ignoranza che può fondarsi la loro pregiudiziale visione degli argomenti attinenti alla religione e alla morale. Più che ad argomenti ricorrono a degli a priori. Un fatto che lo mette in luce – esempio tra i tanti che si potrebbero fare – è dato da come è stato accolto da questi pensatori l’abbandono dell’ateismo da parte di Anthony Flew (morto nel 2010), il quale fu investito da una valanga di insulti da parte dei vari Dawkins & co., e che ebbe a dire “sono stato denunciato dai miei compagni non credenti per stupidità, tradimento, senilità e qualsiasi cosa si possa pensare, e nessuno di loro ha mai letto una sola parola di cosa ho scritto”2. E a giudicare dalle opinioni che gli stessi hanno della filosofia, Feser puntualizza che questo non è limitato ai soli lavori di Flew. Se questa ignoranza filosofica è grossomodo da attendersi in autori come Dawkins e Odifreddi (che non sono filosofi), è inescusabile in Daniel Dennet, il quale insegna filosofia in un college americano. Più avanti nel libro ci si interroga sui motivi per cui anche in ambienti accademici ci sia una ignoranza che porta al fraintendimento di autori come Platone e Aristotele, e secondo l’autore un abbozzo di risposta può venire sia dalla iper-specializzazione di molti ricercatori, sia da come sono condotti gli insegnamenti su autori premoderni, che quasi sempre vengono visti con gli occhi della modernità, evitando in tal modo di comprendere cosa sostengono e quale sia il senso delle loro argomentazioni. Nel libro, un esempio è dato da come viene recepito l’argomento cosmologico: tutti “sanno” che tale argomento per l’esistenza di Dio dice “tutto ha una causa, quindi l’universo ha una causa, chiamata Dio”, e questo argomento è facilmente rifiutato da “se tutto ha una causa, cosa ha causato Dio?”. Tutto fila, tranne per il fatto che l’argomento cosmologico non è quello che ho appena esposto (e che i new atheists spacciano come unica formulazione, mai sostenuta nel corso dei secoli). Stessa cosa per i rapporti tra religione e moralità: tutti “sanno” che la morale è una serie di comandi decisa arbitrariamente da Dio sotto pena di finire all’inferno, se non fosse che questa è solo una caricatura che nessun filosofo che difende il rapporto della morale con la religione ha mai sostenuto.

I limiti di un articolo non mi permettono di affrontare separatamente tutti gli altri capitoli (sono sei in tutto), e in questa sede non si possono trattare tutti i ragionamenti che sono svolti; mi limito pertanto a dire che tutto il libro è una panoramica storico-teoretica della filosofia, dalle origini greche allo sviluppo medievale, per finire alla modernità; l’autore mostra come siano perfettamente coerenti e fondati gli argomenti classici della metafisica per quanto riguarda l’esistenza di Dio, l’immortalità dell’anima e la legge morale naturale; come la modernità sia una rivolta contro la filosofia aristotelica e il realismo scolastico; che la “rivoluzione scientifica” non ha avuto nulla di rivoluzionario che abbia portato a ripensare la filosofia “classica” (mito questo che risale al XVIII secolo, e che poi è diventato “retroattivamente vero”). In particolare, le assunzioni filosofiche su cui riposa la scienza non negano la causa finale e la cause formale, ma semplicemente le ignorano perché semplicemente si è voluto così a tavolino. Non è un caso che nel libro molto spazio viene dedicato alla spiegazione di cosa si intende con causa finale e causa formale, per evitare fraintendimenti (quando non vere caricature), i quali hanno portato (nella modernità) a far nascere i problemi “classici” della filosofia: il problema dello scetticismo, dell’induzione, dell’identità personale, del libero arbitrio, dei diritti naturali e della moralità in generale; l’ultimo capitolo è dedicato alla “vendetta di Aristotele” nelle neuroscienze, e meriterebbe di essere riportato parola per parola.

Un'ultima curiosità: un libro come questo non sarà mai scritto in Italia. Qui, da parte dei credenti, si preferisce fare ricorso al “dialogo”, al “dibattito”, al “contributo degli atei alla fede”, tanto che le prefazioni dei libri di Mancuso e di Enzo Bianchi sono scritti da ecclesiastici. Negli Stati Uniti questo problema non sussiste, e gli pseudo-argomenti dei nuovi atei sono trattati con le parole che meritano. Ma la polemica è solo accessoria, il libro riposa tutto su una salda argomentazione filosofica i cui passaggi sono ben mostrati dalla prima all’ultima pagina.

1 Il suo blog è a questo link: http://edwardfeser.blogspot.it/
2 Nota 6 al capitolo 1 del libro in questione, che rimanda ad un articolo di Stuart Wavell, “In the beginning there was something”, The Sunday Times, 19 dicembre 2004

 

11 commenti :

  1. feser completamente distrutto qui http://wmbriggs.com/blog/?p=6079
    il libro e' buono solo per per far credere a chi e' gia' convinto di avere anche ragione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tsk...
      http://edwardfeser.blogspot.it/2012/08/briggs-on-tls-and-tone.html

      Elimina
  2. http://currentlogic.blogspot.it/2012/06/edward-feser-last-superstition.html
    http://currentlogic.blogspot.it/2012/07/universals-and-argument-for-existence.html

    feser e' una fregatura, sa solo lagnarsi e filosofi piu' preparati di lui lo hanno fatto a pezzettini

    ci sono rappresentati della filosofia cristiana migliori di questo americano, per esempio cornelio fabro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è vero, Cornelio Fabro ha scritto parole definitive contro l'assurdità metafisica, filosofica, logica dell'ateismo. Basti la sua monumentale “Introduzione all’ateismo moderno”.
      Non conosco il testo recensito (ma me lo procurerò, grazie a Zenobi per la segnalazione). Però, in linea di principio, perché rinunciare ad apporti come questo, probabilmente adatto alla modestia intellettuale del mondo anglosassone, considerata anche l'assoluta inconsistenza, ignoranza e volgarità logico-filosofica (e spesso anche esistenziale) dei propagandisti dell'ateismo?

      Elimina
    2. se il modo di rispondere alla volgarita' e alle inesattezze di personaggi come dawkins o odifreddi consiste nella volgarita' e nelle inesattezze filosofiche di fraser preferisco chi li ignora e si dedica a personaggi di spessore piu' ampio come ha fatto fabro.

      Elimina
  3. The Incredible HallQ6 settembre 2014 09:29

    Prego leggere questo
    http://www.uncrediblehallq.net/2009/02/25/review-of-edward-fesers-the-last-superstition-part-i-morality/
    http://www.uncrediblehallq.net/2009/03/10/the-last-superstition-part-ii-ditching-aristotles-metaphysics/
    Grazie molto,
    HallQuist

    RispondiElimina
  4. Feser è un pessimo elemento per la causa apologetica, ha fatto suoi molti dei comportamenti fastidiosi dei "nuovi atei" che vuole criticare e alla lunga questo modo di fare sarà controproducente. In occasione di un raduno di atei Feser ha scritto nel suo blog che quella è una manifestazione di massa e tutte le manifestazioni di massa sono cattive. Un Dawkins potrebbe chiedergli cosa ne pensa allora delle Giornate Mondiali della Gioventù. Feser è un filosofo troppo arrabbiato per rendersi conto del danno che fa con le buone intenzioni di cui l'inferno è tappezzato.

    RispondiElimina
  5. feser lasci perdere i non filosofi come i nuovi atei dawkins e amici che non capiscono molto la filosofia e si confronti con veri filosofi dell'ateismo moderno che sconosciuti al pubblico generalista

    The Non-existence of God (Nicholas Everitt)
    The Wisdom to Doubt (J.L. Schellenberg)
    Objecting to God (Colin Howson)
    Arguing about Gods (Graham Oppy)
    God in an Age of Science (Herman Philipse)
    Logic and Theism (Jordan Howard Sobel)
    Arguing for Atheism (Robin Le Poidevin)
    On the Nature and Existence of God (Richard Gale)
    Nonbelief and Evil (Theodore Drange)
    A Physicalist Manifesto (Andrew Melnyk)

    RispondiElimina
  6. Toh, quanti atei militanti e "colti" in questo sito cattolico. Se fossi la Redazione, ne sarei felice. Significa che è efficace.

    Poi, come nota a margine: ho dubbi, molti dubbi che le Giornate Mondiali della Gioventù possano assere considerate "cattoliche"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Franco el Canario7 settembre 2014 16:13

      Certo Silente. Pensavo la stessa cosa un attimo prima di leggerti. (..delle Giornate Mondiali)

      Elimina
  7. Una distinzione che genera molti equivoci è quella tra “classical theism” e “personal theism”, lo stesso Feser, collocandosi nel primo filone, vi dedica nel suo blog post estremamente interessanti.

    I New atheist, facendo di tutta l’ erba un fascio, si accaniscono in realtà sull’ approccio “personal”, il più intuitivo, cosicché, Feser, da buon “classical”, ha buon gioco nel dire che costoro non sanno nemmeno di cosa parlano. Il dibattito intorno al concetto di “causa” è un buon esempio di questo corto circuito.

    Un indizio che suffraga questa ipotesi è l’ inaspettata stima che Dawkins ha tributato a Richard Swinburne (un “personal” di rilievo). Forse sarà dovuta al fatto che è suo collega ad Oxford ma forse anche al fatto che con lui è potuto entrare più nel merito delle questioni anziché essere liquidato in partenza come un tale “che non ha capito niente” di cio’ che critica.

    RispondiElimina