06 novembre 2014

Obama, game over



di Alessandro Rico

Il mid-term americano ha consegnato ai Repubblicani una schiacciante vittoria, ma soprattutto ha sancito la bruciante sconfitta del Presidente Barack Obama. Il GOP ha vinto anche in molte roccaforti blu, ha dato battaglia in Virginia, ha mandato in Senato la sua prima donna nera (Mia Love nello Utah), ha ormai il controllo del Parlamento e la maggioranza dei governatori. Lo stesso Partito Democratico è sembrato insofferente a Obama e se il Washington Post azzarda che Hillary Clinton potrebbe approfittarne per rafforzare la sua futura nomination, non sono mancate esplicite prese di distanza da parte di candidati democratici, come quella di Alison Grimes del Kentucky.

Ma queste elezioni hanno rappresentato davvero una svolta a destra degli Stati Uniti? A mio modesto parere, non del tutto. Basti pensare al tracollo del gradimento di Obama tra gli ispanici, il gruppo etnico che, dopo i neri, nel 2008 e nel 2012 aveva accordato la maggiore fiducia al Presidente. Fatico a immaginare una conversione di questo elettorato. La mia idea è che il mid-term, oltre che un indubitabile successo organizzativo dei Repubblicani, capaci di polarizzare il malcontento, sia stato una sonora bocciatura della leadership di Obama. L’uomo del cambiamento e delle riforme si è rivelato, come dicono a Roma, una sòla. La collezione di fallimenti è sterminata. La riforma sanitaria, contestatissima per i suoi elevati costi e la sua paradossale incapacità di allargare la platea di assicurati, anche a causa del crash del portale HealtCare.gov. La ripresa economica, che nonostante i segnali incoraggianti è ancora fragile, a fronte di un massiccio, seppur non inedito, intervento dello Stato nell’economia – si ricordi, su tutto, il salvataggio di General Motors. La politica estera, persino più disastrosa dell’imperialismo di Bush, con le incertezze sulla Siria, le umiliazioni dalla Russia e le la lentezza e sostanziale inefficacia dell’intervento contro l’Isis.
Più che un’approvazione dell’agenda repubblicana, che peraltro è ancora soggetta alla tribolante dialettica tra “comunitaristi” pro spesa pubblica e Tea Party, le elezioni di medio termine hanno rivelato la disillusione degli americani nei confronti dell’uomo che li aveva avvinti con la retorica: nulla è rimasto dei motti evocativi, Change e Yes we can, del lontanissimo 2008.
D’altronde, se si guarda agli esiti dei referendum, ci si rende conto che l’ondata repubblicana ha poco a che fare con la promozione di politiche conservatrici. Washington DC ha votato per il controllo delle armi e la marijuana libera; pro-cannabis anche l’Oregon; Alaska, Arkansas, Nebraska, South Dakota e Illinois hanno approvato la proposta sul salario minimo. Solo la Florida ha respinto la legalizzazione delle droghe leggere, mentre lo stesso GOP, che forse prevedeva gli esiti referendari, aveva allentato le proprie resistenze sul tema. Per i Repubblicani, in un certo senso, the best is yet to come – anzi, the worst. Come accennato, permane la dicotomia tra moderati e liberisti. Il ruolo del Tea Party nella disfatta di Obama sembra ridimensionato, ma i Libertarians hanno ottenuto una simbolica vittoria eleggendo Joni Ernst nell’Iowa, lo Stato da cui partono le primarie repubblicane. Il GOP ha fatto dei passi avanti, si è svecchiato, ha mandato in Senato il suo primo nero del Sud, ma manca ancora di una leadership carismatica e di un’agenda condivisa, e soprattutto condivisibile da un’America che non mi dà l’impressione di voler tornare al reaganismo.

Intanto il partito dell’Elefantino ha un capitale da spendere, perché l’«anatra zoppa» Obama dovrà scendere a patti con un Congresso ostile, o combattere improduttivamente a colpi di veto, soprattutto su sanità e immigrazione. Per il Presidente più sopravvalutato della storia, insignito persino di un premio Nobel per la pace che sarebbe assurdo, se non sapessimo che i Nobel servono a celebrare i campioni del pensiero unico, sembra l’inizio della fine. Il vecchio motto è cambiato: No, you can’t

 

6 commenti :

  1. Il problema dei repubblicani è che non hanno un candidato credibile per la presidenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non diciamo assurdità.Di candidati spendibili per la presidenza il Gop ne ha a bizzeffe:Jeb Bush,Marco Rubio,Ran Paul,Bobby Jindal.

      Elimina
    2. Bush ha il problema del cognome; Rubio e Jindal sono entarmbi giovani, dopo Obama l'America cercherà qualcuno con più esperienza; Paul ha posizioni che se galvanizzano gli esaltati, spaventano i più. E sono "i più" che fanno vincere le elezioni

      Elimina
    3. Bush porterebbe la Florida e il voto ispanico.
      Agli americani i candidati anziani non piacciono.
      Jindal è giovane ma è governatore già da 6 anni a differenza di Obama che era un novellino della politica.

      Elimina
    4. Bush porterebbe Florida e voto cubano, non certo ispanico.
      Jindal e Rubio avranno, nel 2016 45 anni. nella storia USA solo JFK è stato eletto più giovane.

      https://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Presidents_of_the_United_States_by_age

      Elimina
  2. Anch'io ha qualche dubbio su questa cosiddetta "svolta a destra". Alcune considerazioni:
    1) i Reps hanno vinto non per la loro agenda (inesistente), ma per l'impopolarità di Obama presso la sterminata classe media statunitense, che non ha beneficiato della "ripresina" in economia ed è tuttora ferocemente incacchiata per l'introduzione della sanità "pubblica" (che peraltro pubblica non è) che ha peggiorato le condizioni contrattuali delle assicurazioni di molti lavoratori di medio-alto livello e che contrasta con il sentire antistatalista tipico della "Main Street" americana. Noi europei, anestetizzati da decenni di "stato sociale", costosissimo, inefficiente ma rassicurante, non possiamo capire la ferma credenza degli americani nel principio della "responsabilità individuale";
    2) ha vinto l'ala pragmatica, aperturista, "relativista" del GOP. Le tesi e le prassi "pro-choice" e non ostile ai matrimoni omosessuali, avranno più spazio. Rimane da vedere quanto gli attivisti conservatori, normalmente più a destra dei votanti Repubblicani, potranno contrastare questa deriva;
    3) esiste il pericolo che la vittoria dei Repubblicani favorisca una politica persino ancor più filo-sionista, con tutti i rischi di un acuirsi di un odio anti-occidentale (ammesso che il termine "Occidente" abbia un senso) tra le popolazioni medio-orientali. Altrettanto palese è il rischio di un innalzarsi della tensione con la Russia, con cui invece un'Europa libera dall'influsso statunitense (e da quello delle lobby laiciste e liberal) avrebbe tutto l'interesse a stabilire un'alleanza geopolitica, fondata su ragioni storiche, culturali, religiose e, appunto, geopolitiche. E ciò a prescindere dal fatto che Putin si stia manifestando come l'unico leader globale che basa la sua azione su principi morali tradizionali, difesa delle identità e delle culture dei popoli.

    Vedremo nel prossimo biennio come si muoverà "l'anatra zoppa". Certo la povertà intellettuale della destra statunitense, a parte isolati pensatori come Pat Buchanan, non è confortante. Ma non è che la destra europea sia messa molto meglio.

    RispondiElimina