30 dicembre 2014

"Obbedire è meglio" di Costanza Miriano


di Giuseppe Signorin

Se tanti libri sono inutili e anzi possono addirittura fare male alla salute, ce ne sono altri che hanno un'efficacia quasi tangibile. Ma esiste anche un'ulteriore categoria di libri: libri rarissimi, forse unici, libri miracolosi che agiscono nella vita delle persone senza neppure il bisogno di leggerli. Per Natale ho regalato a mia sorella uno di questi libri. O meglio, l'ho consegnato a mia sorella, ma in realtà l'ho regalato a mio cognato, suo marito. Perché se il libro in questione ripete il miracolo che ha fatto su mia moglie, lui non dovrà nemmeno leggerlo.

Non voglio inoltrarmi in discorsi letterari, per quel che riguarda questo libro. In fondo la letteratura è una delle cose più sopravvalutate e più sottovalutate di questo mondo e negli ultimi secoli se n'è fuggita in massa dalla vita. Questo libro, invece, a quanto pare c'ha così tanto a che fare con la vita che sembra addirittura in grado di cambiarla. E non solo a chi l'ha letto. Io infatti non ho la più pallida idea di quello che racconta e non saprei che altro dire, se non che la copertina era sotto il nostro ombrellone, quest'estate, perché mia moglie lo stava divorando (ovviamente, essendo donna, mia moglie, ogni cinque minuti tentava di leggermi qualche frase, ma io, essendo uomo, e quindi eroe, ho quasi sempre resistito). Poi l'ho vista (parliamo sempre della copertina della stessa copia del libro) nel comodino della stanza dov'era ricoverata mia suocera prima e dopo l'operazione all'anca. In questi giorni una temeraria amica di mia moglie, a cui mia moglie aveva prestato il libro in questione un mesetto fa, lo sta passando a sua volta a un'altra amica incuriosita e forse altrettanto temeraria. Che altro? Nella copertina è disegnato un agnello. L'autrice è una donna con gli attributi, anche se considerato il titolo questa descrizione di lei può sembrare azzardata. Sempre in riferimento al titolo, io stesso sto scrivendo queste righe perché l'ho preso alla lettera e ho pensato fosse meglio obbedire a un comando di mia moglie, piuttosto che fare di testa mia. È mia moglie infatti che consiglia a tutti di leggerlo. Io sono Ponzio Pilato in questo contesto, faccio quello che mi dice lei e me ne lavo le mani (un Ponzio Pilato dalla parte giusta questa volta).

 

0 commenti :

Posta un commento