07 gennaio 2015

Un brindisi a Messori e uno al Papa


di  don Mauro

Carnieletto sulle colonne de Il Giornale annota: “Così, si invertono le parti: gli apologeti come Messori e Socci che sempre hanno difeso la Chiesa si trovano ora nella posizione di "antagonisti", attaccati da coloro che, smessi i panni di preti di strada, indossano ora le divise pontificie”.

Effettivamente la scena è curiosa. Vada per Socci, le cui modalità di esternazione molto decise possono lasciare infastiditi (purtroppo mi allego a tal gruppo), ma che dire di Messori? Che dire di vari altri studiosi, cattolici di vecchia data, di provata fedeltà e di qualificata scienza, che si trovano perplessi di fronte a svariate dichiarazioni e posizioni di Francesco? A difenderlo senza il minimo vacillare sembrerebbero rimasti giornalisti atei, gruppi LGBT, preti spretati, clero e movimenti dissidenti ed iper-progressisti, più  - e qui stipendio val ben la lode - le liste di impiegati nel sistema CEI (TV2000, Avvenire & co, Curie etc.).

Giustamente si faceva notare che questo novello corpo di guardie pontificie non s’erge a tutela del Papa, ma solo del loro amico Francesco, col che considero inutile ogni commento aggiuntivo.

Ma come interpretare tale bizzarra situazione nel suo complesso? Anzitutto con un poco d’ansia mi lascia pensieroso quello che sotto alcune prospettive sembrerebbe annunciarsi come scisma culturale di non poco rilievo. L’ansia raddoppia se penso che l’occasione - non la causa! - della spaccatura ha in qualche modo a che vedere con il Papa, cioè col simbolo di unità della Chiesa.

Poi con ironia penso a tanti apologeti che ieri ci rimisero la faccia per difendere Papa “Simplicio” dagli eccessivi attacchi galileiani, mentre oggi sono fustigati con poca misericordia dai filo-galileiani d’antan (quelli che “bisognava proprio chiedere perdono per gli errori dei Papi d’un dì”). Davvero non si lotta per le glorie terrene, ché altrimenti un pizzico di eresia tornerebbe a maggior carriera per tutti.

Io, comunque vada, sto col Papa, unica garanzia, non dico di ascesa, ma di ripresa anche dopo eventuali tracolli. Ci sto con tanta umana perplessità quanto con religioso affetto. Ci sto ricordando la commovente telefonata di Francesco al primo che ebbe coraggio di contestarlo, Mario Palmaro. Ci sto, ripetendo con Benedetto XVI parole che questi fece sue, rubandole al beato Newman: “"Certamente se io dovessi portare la religione in un brindisi dopo un pranzo (…) allora io brinderei per il Papa. Ma prima per la coscienza e poi per il Papa", beninteso che "in questa affermazione, ‘coscienza’ non significa l’ultima obbligatorietà dell’intuizione soggettiva. È espressione dell’accessibilità e della forza vincolante della verità: in ciò si fonda il suo primato. Al Papa può essere dedicato il secondo brindisi, perché è compito suo esigere l’obbedienza nei confronti della verità".


 

5 commenti :

  1. 1 "sto col papa ma son perplesso"
    2 "sono tradizionalista ma il Papa......"
    3 "prima la coscienza ma poi viene seconda dopo l'obbedienza"

    Se non ricorre all'antitesi sembra che il cattolico non riesca ad esprimersi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I cattolici pensano con la loro testa, che stupore...

      Elimina
  2. Appunto la verità.
    E dove sta la Verità nelle parole o nei gesti di papa Francesco?
    Per dire che è necessario pregare e fidarsi di Gesù non serve un papa, ma qualsiasi credente è in grado di farlo.

    RispondiElimina
  3. Quindi don Marco sta col papa, ma prima sceglie la coscienza. Per cui la pensa esattamente come Messori e come i vari Gnocchi e Palmaro (r.i.p.), De Mattei...

    RispondiElimina
  4. Caro don Marco B., Socci ci mette la faccia, il nome e il cognome. Lei invece si trincera dietro un'iniziale.

    Poi evidentemente lei non ha letto il suo libro su Papa Francesco, altrimenti si sarebbe reso conto che Socci è una persona moderatissima, che ama e conosce la Chiesa quanto lei, se non di più.

    Da ultimo: si legga su Radio Vaticana la meditazione a S. Marta di ieri e mi dica poi come definisce un Pontefice che fa simili affermazioni. E non sono che le ultime in ordine di tempo.

    RispondiElimina