22 maggio 2015

Extra Ecclesiam nulla pedophilia?


di Satiricus

Che erano tanti si sapeva, coperti per decenni da omertà e amicizie di alto livello. Ma nessuno avrebbe mai immaginato uno scandalo di tali dimensioni. Ieri il Npcc, il dipartimento per la protezione dei minori di Scotland Yard, ha rivelato i numeri della maxi-indagine sugli abusi sessuali perpetuati negli ultimi 30 anni in Gran Bretagna. E sono numeri da capogiro: gli indagati sono 1400 dei quali molti personaggi famosi, politici e gente del mondo dello spettacolo e dello sport”. Così Caterina Soffici sul Fatto Quotidiano, ripresa da Dagospia.

Ora resta da vedere se i media ne daranno la debita eco oppure no. Certo fa specie pensare a una simile marea di pedofili, non pochi dei quali transitati davanti alle camere della BBC, la stessa emittente che nel 2006 diede spazio all’indagine scandalo contro Benedetto XVI, sollevando un polverone micidiale contro la credibilità della Chiesa cattolica. Sex crimes and the Vatican è il titolo dell’inchiesta andata in onda sull’emittente britannica, di cui facevano parte anche le scene del film documentario di Amy Berg, Deliver Us from Evil (2006), pellicola applauditissima dal pubblico e dalla critica (contestata da sociologi e criminologi). Il fatto curioso è che la Berg avrebbe nel frattempo confezionato un nuovo video An Open Secret (2014), imperniato sugli scandali pedo-sessuali dell’ambiente cinematografico americano. Dunque, per ragioni che onestamente mi sfuggono, questo secondo prodotto non avrebbe incontrato una buona accoglienza e diffusione nel mercato americano, né tanto meno mondiale, anzi si parla del “movie Hollywood doesn’t want you to see”. Qualcosa mi dice che non lo vedremo troppo presto nemmeno sulla BBC.
E così, mentre restano nel nascondimento gli scandali hollywoodiani, e vengon tacitati pure quelli britannici, non ci resta che consolarci con le coraggiose e coerentissime accuse che continuano ad investire la Chiesa e i suoi “preti pedofili”.
Certo, qualcuno vorrà forse far notare che sul panorama mondiale l’agenzia più potente, compatta, influente e radicalmente preoccupata nella lotta alla pedofilia è proprio la Chiesa cattolica; al contempo essa risulta la più bastonata, pressoché l’unica sbugiardada, nonché probabilmente la meno implicata, tra le imputate per l’abuso di minori. In altri termini: chi vorrebbe rimediare è legato mani e piedi, mentre scorrazza per l’aia una schiera di colpevoli (o almeno di conniventi), relativamente ignorati, poco pentiti e plausibilmente recidivi.
Nessuno si preoccupi, con le sue politiche scolastiche atte ad erotizzare sempre più precocemente la gioventù, Bruxelles e la Buona Scuola sembrano aver già trovato la meglio risposta al fattaccio in questione. Qui habet aures audiendi... eas claudat.

 

0 commenti :

Posta un commento