10 giugno 2015

Medjugorje, oltre la gospalatria e la demonologia


di Alessio Gospare Calò 

"Se su Medjugorje la Chiesa dovrà esprimere delle riserve o fare delle severe correzioni (o perfino delle severe bocciature), ben venga. Saranno preziose. Sicuramente saranno fatte dal card. Müller nei modi dovuti. La Chiesa Madre e Maestra, che fa il su dovere di custode della fede, va ascoltata e seguita." Così uno (stranamente) sobrio Antonio Socci sul suo profilo facebook, in risposta alle eterogenee reazioni derivanti dalle esternazioni del Santo Padre sull'affaire Medjugorje. Un atteggiamento - quello che suggerisce Socci - che dovremmo avere sempre, non solo verso le dichiarazioni del Papa (che invita a suo modo alla prudenza sulla “Madonna-postina”, anche se le sue parole – fra l’altro indirette – sul fenomeno Medjugorje non sembrano così tranchant), ma anche verso la recente decisione del Card. Müller (in realtà non l’unica) di bloccare un incontro di preghiera con la veggente Vicka Ivankovic a Sestola (Modena).
Che dire? Per un riassunto recente della questione segnaliamo l'articolo dell'ottimo Matzuzzi, uscito all’inizio dello scorso anno in occasione della chiusura dei lavori svolti dalla Commissione internazionale di inchiesta dei fenomeni di Medjugorje, la quale ha inviato le proprie considerazioni alla Congregazione per la dottrina della fede. Per una valutazione equilibrata, rimandiamo all’articolo dell’amico Bertocchi, che invita all’“estrema prudenza e cautela”. Giustamente, dato che le apparizioni sono/sarebbero ancora in corso, e per evitare che i vescovi si “compromettano” con questi fenomeni e che i fedeli si confondano (non lo sono già abbastanza?).
Invito inoltre a consultare sempre le fonti originali, in particolare i discorsi di Papa Francesco, in quanto rileggendo sulla stampa le sue presunte dichiarazioni mi chiedo se i giornalisti ci sono o ci fanno, forse di fretta o forse divertendosi in esegesi imbarazzanti (un virgolettato qua, un virgolettato là, e via di teologia scalfariana). Ma sappiamo bene come è ridotto il giornalismo italiano, servo dei servi.

Dico solo due cose.

La prima a chi considera le apparizioni come opera di persone malate o di geniali businessmen (se non addirittura del demonio), pensiero abbastanza diffuso in area “tradizionalista”: le apparizioni sostanzialmente vengono contestate per alcuni messaggi ecumenici (se non interreligiosi) della Gospa; le accuse non possono essere altre dato che i veggenti godono di buona salute psicofisica (ecco uno studio), mentre sarebbe sovrastimata la loro capacità imprenditoriale (a dir poco profetica), dal momento che nel 1981, in pieno regime comunista (che non fu molto carina coi nostri), 6 giovani dai 16 ai 10 anni avrebbero immaginato un cospicuo afflusso turistico nelle zone delle apparizioni. Senza contare i frutti, in termini di conversioni ma non solo, derivanti dal fenomeno Medjugorje. Ma torniamo al ragionamento dei trad: se la Madonna parla di ecumenismo, frutto del teribbbile CVII, meglio dire subito che è tutto demoniaco così poi se la Chiesa approva abbiamo un altro motivo per parlare di apostasia. Poi se il finto Papa massone ed eretico sbugiarda le apparizioni allora si tratta di un palese cortocircuito modernista: tutto si tiene. Se invece vogliamo far parlare le persone competenti, in un suo libro il teologo René Laurentin, il massimo mariologo vivente, spiega meglio i termini della questione, con una sana contestualizzazione delle parole della Gospa. Un altro fattore di disturbo per molti, non solo per i trad, riguarda la numerosità delle apparizioni della Madonna: se volete un precedente (“certificato”), andate ad assaporare a pieni polmoni i profumi di Laus, dove la Madonna si è presentata per 54 anni. Non credo che la Madonna abbia bisogno del nostro permesso per apparire, o sbaglio?

La seconda cosa la dico a chi venera la Gospa così intensamente da voler abbandonare la Chiesa in caso di "rigetto" delle apparizioni, magari con Paolo Brosio anti-Papa. State tranquilli, l'unica apparizione alla quale dovete credere come cattolici è quella di Gesù Cristo risorto, che si mostra agli apostoli il giorno di Pasqua. Il resto è tutto dato in sovrappiù. Magari si eviti quel sentimentalismo di stampo protestante tutto cuore e spirito, unendo alle preghiere anche un po' di sana formazione cattolica (forse è questo il vero messaggio dell'omelia mattutina del Santo Padre). Meno gospalatria e più dogmatica, please.

Per entrambe le categorie, in attesa del pronunciamento della Santa Sede vi segnalo l'interessante incontro tra Messori e Laurentin, in cui si discute di apparizioni mariane e accondiscendenza divina,  e si ricorda che Gesù ha detto “beati quelli che credono senza vedere”.


 

10 commenti :

  1. L'articolo di Socci è una gradita sorpresa per il suo equilibrio. Socci prende atto che le cose sembrano mettersi male e reagisce in modo maturo.

    Bertocchi sulla Bussola non arrivava a tanto buon senso, ma almeno accusava il colpo. (Quanto al buon senso della direzione del giornale, poi, basti dire che trovava opportuno pubblicizzare subito sotto quell'articolo la "guida del pellegrino").

    Qui invece mi pare che ci si voglia proprio tappare gli occhi, in perfetto stile mediugoriano. Sì, bisogna obbedire al Papa, ma avrà poi davvero detto ciò che riportano i giornali? Sappiamo bene che dei giornali non ci si può fidare... E giù con i soliti cavalli di battaglia mediugoriani: le apparizioni sono ancora in corso, Laurentin autorità somma, e poi non dimentichiamoci dei fantasmagorici frutti.

    Si rende conto, caro Calò, che tra questi frutti c'è appunto "chi venera la Gospa così intensamente da voler abbandonare la Chiesa in caso di rigetto"? Sbaglio o con Lourdes o Fatima un'eventualità del genere non era nemmeno pensabile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Le cose sembrano mettersi male"? L'articolo di Socci è equilibrato non perché sta facendo marcia indietro ma perchè attende il Magistero, come dovrebbero fare tutti.
      L'articolo di Bertocchi mi sembra descrittivo ed equilibrato.

      Per quanto riguarda il tapparsi gli occhi, mi chiedo davero se la gente legge repubblica.it (o corriere.it) per informarsi su cosa dice il Papa, o se invece preferisce dare una scorsa ai suoi interventi per intero. Se non lo fa, vuol dire che gli va bene quello che dice repubblica, non trova? Per il resto mi sembra che sia indiscutibile il fatto che le apparizioni sono ancora in corso, Laurentin (ma anche Messori, senza contare San Giovanni Paolo II) sia un po' più credibile di qualsiasi altro interlocutore che non sia il Magistero, e che tra i frutti vi siano molti riavvicinamenti e conversioni al cattolicesimo, a parte qualche estremista Gosparo da tastiera.
      Ribadisco che c'è un'unica apparizione alla quale si dovrebbe credere. Tutto il resto è in più. Medjugroje è interessante perchè come Fatima presenta dei segreti che segnano il nostro orizzonte temporale.
      Attendiamo fiduciosi, in preghiera.

      Calò

      Elimina
  2. Mi sorprende parecchio l'articolo di Socci. Ha sempre criticato, anche duramente, Papa Francesco e adesso sale sul carro dei "vincitori", capace persino di avallare eventuali "severe bocciature" da parte della Gerarchia. Misteri dell'animo umano!
    Come grande è Dio e come piccolo è il mondo. E come siamo piccoli noi, Papi o giornalisti o semplici comuni mortali, a pensare che la Madonna non possa o non voglia comunicare tramite suoi "strumenti" nei giorni e nelle ore che Lei desidera. Forse che a La Salette, Lourdes, Fatima, Kibeho, Akita, ecc., tutte apparizioni riconosciute ufficialmente dalla Chiesa, la Madre di Dio non si è manifestata a delle anime semplici ed umili nelle modalità da lei scelte per le sue manifestazioni soprannaturali?
    E per concludere non credo affatto che un medjugorjano abbandoni la Chiesa in caso di "rigetto". Per il semplice motivo che la Madonna ha sempre rimarcato l'importanza della fedeltà alla Chiesa e dell'obbedienza ai suoi Pastori. Però la Chiesa non può impedirci di credere alla veridicità di tale apparizioni. Potrà eventualmente impedirci l'incontro di preghiera con il tale veggente (e noi obbediamo) ma non può di certo impedirci di andare a Medjugorje in pellegrinaggio privato a ringraziare Dio e la Gospa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, gli opposti estremismi che sottolineavo nell'articolo riguardano gruppetti insignificanti, come certi "tradizionalisti" (fra virgolette) e "qualche estremista Gosparo da tastiera".
      Calò

      Elimina
  3. La Chiesa può forse permettersi di dichiarare solennemente che la Madonna parla quotidianamente per bocca di sei (dicesi sei!) veggenti non controllabili in quanto laici?? Non accadrà mai. Ma in fondo non può nemmeno permettersi di dire che un fenomeno durato per decenni e che conta milioni di fedeli in tutto il mondo è solo una bufala. Sono quindi pronto a scommettere che questo pronunciamento, se ci sarà, sarà ambiguo e aperto e non risolverà nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente sarà aperto, ambiguo non credo. Siamo in trepidante attesa comunque.
      Calò

      Elimina
    2. Cosa vuol dire 'in quanto laici'? La Chiesa non ha forse riconosciuto Fatima , Lourdes ecc.? Il problema di Medjugorje è che non ha mai avuto il minimo riconoscimento di carattere 'soprannaturale'. E in mancanza di questo non si sarebbe dovuto alimentare il fenomeno. Il resto sono considerazioni prosaiche che mai avrebbero dovuto trovare spazio nella chiesa.

      Elimina
    3. Per il riconoscimento si attende la pronuncia della Chiesa (oltre alla fine delle).

      Elimina
  4. Se vuole consultare le fonti originali c'è il sito della diocesi di Mostar , c'è la raccolta che ha fatto M.Corvaglia ecc.
    Non è vero che l'unico problema dei messaggi sia l'interreligiosità , motivo per cui andrebbero di traverso ai tradizionalisti. Molti sono completamente sballati , mettono da parte la figura di Gesù sulla scia di una mariologia antievangelica. Si ignorano poi i provvedimenti presi a suo tempo verso i 'padri spirituali' dei veggenti. Bastava attenersi a questo per non essere costretti alle giravolte socciane, o ai deliri brosiani.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è chi legge le analisi di Corvaglia e chi quelle di Laurentin. A ciascuno il suo.
      Calò

      Elimina