09 settembre 2015

Il Papa più (o meno) amato dagli italiani


di Satiricus 

Relativamente ai dati della Prefettura, secondo cui l’affluenza alle udienze pontificie sarebbe miseramente in calo, così tuona Barile: “Considero di una gravità inaudita, l’incompletezza e la parzialità dei dati della Prefettura della Casa Pontificia, secondo cui è in calo l’affluenza di fedeli alle Udienze Generali di Papa Francesco”. Poche righe per consolare il vaticanista: i critici di Francesco - tra cui si pone il sottoscritto - non hanno per scopo di far passare il Papa come un “isolato” e nemmeno insinuare una “freddezza” verso di lui. Le cifre peraltro sembrerebbero plausibili in quanto coerenti con un atteggiamento diffuso: apprezzare il Papa, ma senza avvertire il bisogno di ascoltarlo, dato che dice sempre le stesse quattro cosette semplici semplici. Questa l'idea che va crescendo, giusta o errata che sia rispetto ai fatti. Piuttosto direi che la soddisfazione per nulla mascherata, che io stesso ho provato, nasce da un altro nobile sdegno, quello che si oppone a coloro che, fin dall'inizio del pontificato franceschiano, ne hanno esaltato la popolarità a danno - ascoltare bene - non della popolarità rivale, ma del Magistero stesso di Benedetto XVI. Francesco, il Papa di cui si lodano anche gli errori; Benedetto XVI, il Papa di cui si ignorano i documenti canonici.
E' per amore alla completezza della proposta ecclesiale, ed è per sottrarre il delicato fatto cattolico alle tifoserie da stadio, che a me non è dispiaciuto il report della Prefettura. Poi, se si vuole, possiamo interpretarne meglio i numeri. Ma, a questo punto, porrei un diverso quesito e duplice. Il primo: come mai questo massiccio spostamento di affluenze (da quelle munite di biglietto a quelle prive)? Mi interesserebbe una lettura sociologica seria. Il secondo - che forse si collega al primo -: si potrebbe misurare il rapporto tra presenza fisica alle udienze e grado di assimilazione spirituale e crescita cristiana del popolo? Detto sinteticamente: se il flop delle udienze di Francesco mi piaceva in quanto smacco al criterio valutativo da stadio del suo pontificato (vince il Papa con più share), va ammesso che il vero superamento di tale criterio idiota può avvenire solo su un altro campo, cioè nella valutazione dell'incremento effettivo della fede del Popolo di Dio. Di questo non ci dirà la stampa, né la Prefettura, ma la storia.
A conti fatti, standomi a cuore la Chiesa e non i pontefici, spero che le udienze siano (o tornino ad essere) strapiene, e strapiene di gente che si vuole realmente convertire.

 

0 commenti :

Posta un commento