11 dicembre 2015

L'arancia ed il ginocchio


di Satiricus

Ho studiato un po’ di filosofia nella mia vita, abbastanza da passare anche quella fase da alunno modello, quando tra noumeno e Geist inizi quasi a dubitare della realtà; non ne ho studiata abbastanza da perdermici in quella fase. Ma tengo qualche residuo di scetticismo e di idealismo covato nel fondo dell’anima, quanto basta per sprecare spesso del tempo nel cercare risposte ai deliri pirronistici degli intellettuali in poltrona, in primis gli apologeti del genere, quelli che è oscurantista pensare che se hai un pisello non sei una donna. Costoro, ormai lo sappiamo, sono entrati appieno nella fase manipoliamo i bambini (sempre meglio di quando li abortivano). Cade dunque a fagiolo l’incontro di questo pomeriggio al parco, dove mi diletto in un dialogo d’altri tempi con Luisa, 6 anni.

  • Ciao Luisa
  • Ciao
  • Cosa fai qui?
  • Sto giocando con la mia mamma
  • Brava, e tuo fratello non c’è?
  • E’ ancora a scuola, fra poco arriva e andiamo a mangiare

Lo so, non è un gran dialogo, ma la Luisa ha 6 anni.

  • Sta bene tuo fratello? è un po’ che non lo vedo
  • Sì, però ieri è caduto e si è sbucciato un ginocchio
  • E lo ha mangiato?

Non è uno scherzo, le ho chiesto se lo avesse mangiato, e Luisa non sapeva che rispondere.

  • Ha mangiato il ginocchio?
  • Non capisci?
  • No
  • Scusa, ma che senso ha sbucciare il ginocchio se poi non lo mangi?
  • Ti spiego: io se sbuccio un'arancia, poi la mangio. Vero?
  • E allora, perché se sbuccio un ginocchio poi non lo mangio?
  • Perché il ginocchio non è un’arancia

A questo punto l’ho baciata in fronte e poi me ne sono andato. Il nostro mondo ha ancora una speranza. Il ginocchio non è un’arancia. Non è che sia una risposta complicata, ma mi ha stupito la prontezza e l’assoluta sicurezza con cui l’ha proferita. Anni e anni di scuola, i progetti omosessualisti, kili di matematica, tutto concorrerà a distruggere in Luisa queste certezze elementari; ma nulla potrà contraddire il fatto che la nostra vita germina e si fonda su di esse. Chissà, forse tutta la sapienza della dialettica di Platone riposa qui, qui la logica aristotelica, o forse si intrattiene con quell’altro fruttivendolo di raro calibro, Tommaso: “questa è una mela”. Ricordate? Magari il punto non è che dobbiamo trasformare i bambini in filosofi del gender, e nemmeno che dobbiamo filosofeggiare in difesa dei bambini, magari il punto è che dobbiamo aiutare certi filosofi a tornare bambini. Tommaso evidentemente lo è sempre rimasto. Fine del racconto. Questa storia non ha una morale, però mi dice che la morale ha ancora molta storia davanti a sé. 

 

1 commento :

  1. Non so se sia filosofia, ma è sublime! San Tommaso è quello che prima di scrivere infilava il testone nel Tabernacolo, giusto? Molti "moderni" invece sembra lo infilino nella tazza. Non del caffelatte.

    RispondiElimina