11 gennaio 2016

Lo scarso successo del sincretismo

di Emilio Giorgio de Roccaforte

L'ultima trovata mediatica della Santa Sede per portare nel mondo il Vangelo è la produzione di un video settimanale nel quale Papa Francesco spiega le sue intenzioni e invita a pregare per esse.

Il primo di questi messaggi è stato, ahinoi, un video nel quale i rappresentanti di quattro religioni, cristianesimo, buddhismo, ebraismo e islam, dichiarano di credere nell'amore. Un video spiacevole. Viene da chiedersi se sia stato condiviso con le autorità delle religioni coinvolte, o se siano stati usati simboli altrui senza permesso, in modo ben poco dialogante. Fatto sta che questi video hanno avuto ben poco successo, ma non lo diciamo noi cattivi ultraconservatori che vogliono riportare indietro le lancette dell'orologio all'oscura epoca preconciliare, ma lo dicono i freddi numeri. Al momento in cui si scrive (10 gennaio sera) il video in inglese è stato visto (arrotondando le cifre per eccesso, per non essere accusati di cattiveria gratuita) 110 mila volte. Quello in spagnolo 36 mila. In Italiano 23 mila. In Francese 7 mila. Tedesco 15 mila. Portoghese 32 mila. In Cinese non c'è e ci chiediamo come mai, visto che è la nazione in cui il Buddhismo è più diffuso e, soprattutto, è ancora aperta la questione tibetana. Forse non si vuole scontentare un certo regime?

In totale quindi sommando tutti i numeri di cui sopra e arrotondando ancora per eccesso, assumendo che davanti ai computer ci sia più di una persona, che nessuno l'ha fatto partire due volte, che You Tube sbaglia i conti, il video è stato visto circa 250 mila volte. Vogliamo dire 300 mila? Vogliamo rovinarci e dire 350 mila, contravvenendo alla matematica ? Aggiudicato. Numeri bassissimi insomma. Evidentemente questo tipo di messaggio non ha scaldato i cuori di nessuno, né dei cristiani né tanto meno quelli di ebrei, buddhisti e musulmani.

Un dato che va ad associarsi a quelli pessimi sulle presenze in Vaticano nell'ultimo anno, mezzo vuoto mentre invece al Colosseo c'è stato un record di visitatori. Senza contare il calo della frequenza a Messa, dati Istat, o quello delle confessioni.

Forse sarebbe meglio iniziare a parlarne serenamente.  

2 commenti :

  1. Parlarne serenamente e seriamente....

    RispondiElimina
  2. I bene informati si prodigheranno a spiegarci che senza Papa Francesco la fuga sarebbe stata ancora peggiore. Resta il fatto che non si è avverata la precedente predizione secondo la quale grazie a Papa Francesco ci sarebbe stata un'ondata di entusiasmo mai vista.

    RispondiElimina