05 dicembre 2016

Il riassunto del lunedì/1


Iniziamo una rubrica settimanale nella quale, ogni lunedì, riassumeremo con un breve commento i fatti salienti della settimana appena trascorsa.

Settimana 28/11-4/12 2016

di Francesco Filipazzi

Referendum italiano 
Ma anche no. Il figlio segreto di Wanna Marchi (copyright Meloni) ha preso una legnata senza precedenti e ha annunciato le sue dimissioni. Vediamo cosa accadrà nei prossimi tempi. Sulle analisi del voto, il vostro blog preferito si impegnerà nei prossimi giorni. Al momento la certezza è che Renzi, colpevole di averci funestati con le unioni civili, è andato a casa.

Morto Fidel Castro. Con relativi funerali
Non è affar nostro.

Nella cabina di regia dell'Osservatore Romano è entrato un protestante.
Un altro?

Scontro totale su Amoris Laetitia
L'argomento tiene banco. I quattro cardinali che hanno sollevato i dubia sono vittime di una gogna mediatica durissima e alcuni prelati si stanno esponendo sia per difenderli che per attaccarli. Fra chi li attacca, l'unica argomentazione è che, semplicemente, stanno mettendo in difficoltà il Papa. Qualcuno avanza l'ipotesi che vengano defenestrati, scardina(la)ti magari. Risuonano a quanto pare urla sconvolte. "Tagliategli la testa" urlano contro Burke, "calpestategli la cappamagna. Date olio di ricino a Caffarra. E questo Brandmuller! Non bastava Muller? E Meisner da dove salta fuori!?!". 
Fra le altre, i quattro si sono presi degli eretici scismatici dal capo dei vescovi greci, il che ha generato qualche sorriso qua e là, mentre si è sparsa la notizia che alcuni alti sostenitori (uno in particolare) delle linee aperturiste hanno fior di account farlocchi per cercare di fare numero sui social network. E dire che qualcuno aveva accusato quei quattro gatti dei rigidi fondamentalisti che si oppongono alle aprture di fare la stessa cosa!!! Altro che la moglie di Brunetta.
Nel frattempo il prefettone Muller dichiara di avere le mani legate. Solo Francesco può rispondere ai dubia.

Lapo Elkann è stato ancora una volta sgamato in una situazione imbarazzante. 
Dopo giorni passati con un trans ad assumere droga, il rampollo della famiglia Agnelli avrebbe simulato un sequestro per richiedere alla famiglia 10 mila euro. Ovviamente il web dei guardoni si è profuso in derisioni di ogni tipo. Eppure le gesta poetiche del buon Lapo rivelano solo una dura realtà: i soldi non rendono felici, se non c'è qualcuno che ci stia vicino. Gli consigliamo di leggere il Vangelo, per trovare qualcosa che non può acquistare.

Elezioni austriache
"Tu hai i vip, io ho il popolo", ha detto Hofer al suo avversario. Quello di destra però è Hofer. Il fenomeno per cui la sinistra ormai è diventata l'agente dell'oppressione dei poveracci è già stato spiegato dal dottor Plinio. Purtroppo però Hofer, salvo novità dell'ultima ora, ha perso. Aridatece gli Asburgo, a questo punto.

Hollande dichiara "non mi ricandido per il bene della Francia"
Ammettere di essere un imbecille è difficile, ammettere di essere il male per il proprio paese anche di più. Hollande ha fatto entrambe le cose. Fra una pernacchia e l'altra, finisce l'ultima fase della rivoluzione laicista francese. Ultimo colpo di coda: la proposta di fare una legge per vietare chi critica l'aborto online. E farebbe già ridere così, ma non è una barzelletta. Arance per tutti.
p.s. Dall'altra parte dello schieramento si segnala la tranvata di Sarkozy, che finalmente può essere consegnato a un tribunale internazionale.

Il cardinale Dolan vittima di oltraggi inutili.
Lo spesso cardinale di New York è andato a salutare le ballerine di uno spettacolo natalizio, le Rockettes del Christmas Spectacular. Le ragazze, nelle foto diffuse, hanno il costume di scena, cioè sono scosciate. I bigottoni da tastiera si sono messi a oltraggiare il cardinale, dandogli praticamente dell'immorale, in pieno stile puritano. In realtà (nota Introvigne) quello spettacolo è uno dei pochissimi che hanno mantenuto al proprio interno, nonostante le pressioni, delle simbologie religiose. Dunque, cari testoni, andate a farvi due risate, ogni tanto.



 

1 commento :

  1. Serbi Dio l'Austriaco Regno,
    Guardi il nostro Imperator
    Nella fede gli è sostegno,
    Regga noi con saggio amor!
    Difendiamo il serto avito,
    Che Gli adorna il regio crin;

    2 volte - Sempre d'Austria il soglio unito,
    Sia d'Asburgo col destin!

    RispondiElimina