02 dicembre 2016

Sulla Costituzione solo «riforme condivise». Chi lo diceva?


di Giuliano Guzzo

«La Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza antifascista, è il documento fondamentale dal quale prendiamo le mosse. La Costituzione non è una semplice raccolta di norme: oggi non meno di ieri è la decisione fondamentale assunta dal popolo italiano sul come e sul perché vivere insieme. È il più importante fattore di unità nazionale e di integrazione sociale, proprio in quanto assicura il consenso della comunità sui princìpi della convivenza al suo interno e permette di dirimere i conflitti di opinioni e di interessi.
Il Partito Democratico riconosce i valori che ispirano la Carta costituzionale, unitamente a quelli della Carta dei diritti umani fondamentali dell’Unione Europea e della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite, e li assume come princìpi validi per tutti, al di là delle disuguaglianze legate alla nascita, all’educazione, al reddito e alle condizioni individuali.
La sicurezza dei diritti e delle libertà di ognuno risiede nella stabilità della Costituzione, nella certezza che essa non è alla mercè della maggioranza del momento, e resta la fonte di legittimazione e di limitazione di tutti i poteri.
Il Partito Democratico si impegna perciò a ristabilire la supremazia della Costituzione e a difenderne la stabilità, a metter fine alla stagione delle riforme costituzionali imposte a colpi di maggioranza, anche promuovendo le necessarie modifiche al procedimento di revisione costituzionale. La Costituzione può e deve essere aggiornata, nel solco dell’esperienza delle grandi democrazie europee, con riforme condivise, coerenti con i princìpi e i valori della Carta del 1948, confermati a larga maggioranza dal referendum del 2006».

Chi diceva, secondo voi queste parole? Massimo D’Alema? Bersani? Qualche ostinato dissidente del Partito Democratico? No, il manifesto del PD del 2008! Qualcuno lo ricordi al segretario attuale del Partito e a quelli che promuvono una riforma non solo fatta a colpi di maggioranza, ma pure imbarcando gli Alfano e i Verdini. Da brividi.

https://giulianoguzzo.com/2016/12/02/sulla-costituzione-solo-riforme-condivise-chi-lo-diceva/
 

2 commenti :

  1. https://youtu.be/oTHGwNk8QXM

    RispondiElimina
  2. Questa riforma serve per mettere le mani sull ' affare miliardario delle utilities dei comuni e degli enti locali e x tappare la bocca ai malcontenti hanno inventato il contentino dei sindaci che vanno a fare i senatori.

    RispondiElimina