16 dicembre 2016

Sulle orme della Vergine Maria: un cammino di perfezione


di Alfredo Incollingo

L'Io è probabilmente la parola più usata e abusata oggi. Qualsiasi discorso morale, politico e spirituale verte intorno al soggetto, astratto e assoluto. La modernità è un ripiego su se stessi, è egoismo e inutile chiacchiericcio. Siamo abituati ormai a sentire di “ricerca dell'Io”, di “perfezionamento” e di “bisogno del Sé”. Il mercato dell'egocentrismo offre prodotti e ricette per ritrovare l'Io ramingo.
Non servono corsi di filosofia orientale o dottrine new age per migliorarsi, basta un Rosario! La Vergine Maria è la nostra madre celeste e ha in sé tutte le perfezioni e le virtù immaginabili. Lo scrittore cattolico Isidoro D'Anna, che ci delizia continuamente con i suoi saggi, ci racconta ne “La via della purezza: per essere veri figli di Maria”  la devozione all'Immacolata che ha lasciato in lui tracce indelebili. La devozione mariana è un concentrato di virtù, di fede, di carità e di speranza che ristora lo spirito e il corpo. Nessun santone è capace di messere amabile e misericordioso come l'Immacolata. Il libro di D'Anna ci fornisce tanti spunti di riflessione sulla devozione mariana attraverso un cammino di scoperta delle Sue qualità: sono toccasana per tutti e per meglio vivere cristianamente la nostra vita.
Di fronte ad un mondo dissacratore e osceno solo la Vergine può indicare la strada per ritrovare la retta via e guarire dai mali odierni. Così potremmo capire che non siamo soli, ma tutti Figli di Maria e fratelli. Ritroveremo così la nostra cristiana dimensione individuale e il Suo cuore, pregno di carità e amore, ci aiuta ad aprirsi alla vita e all'altro.  

0 commenti :

Posta un commento