23 gennaio 2017

Il riassunto del lunedì/8

16-22/gennaio/2017

di Francesco Filipazzi

A Piacenza c'è stata la prima presentazione del nostro libro. L'evento è andato molto bene e il pubblico era abbastanza numeroso. Ettore Gotti Tedeschi ha diretto la serata magistralmente e possiamo dire di aver combattuto la buona battaglia tutti insieme. Nei prossimi tempi cercheremo di fare un riassunto. A breve annunceremo le prossime date.

Chiesa E Mondo. Come abbiamo ripetuto più volte, fare i simpaticoni con le forze mondane non porta ad alcun obiettivo, se non a quello di danneggiare la Chiesa. A cosa hanno portato le corrispondenze di amorosi sensi fra Francesco e Scalfari? A nulla, se non ad una inchiesta infame dell'Espresso riguardo casi (peraltro già conosciuti e, come nel caso di Pell, già sgonfiati) di pedofilia nella Chiesa, con accuse esplicite proprio a Francesco e al suo entourage, che avrebbero "coperto" i pedofili. Nel frattempo Repubblica ha iniziato un attacco virulento contro l'8 per mille alla Chiesa Cattolica. Sinceramente non ci sentiamo di associarci al coro di chi dice "gli sta bene", perché a risentirne è tutta la Chiesa. Sarebbe però il caso che Sua Santità rivedesse i suoi rapporti con la stampa notoriamente schierata contro e a danno del cattolicesimo.

Chiesa e Ordine di Malta. La questione rimbalza fra i due contendenti senza sosta. Al momento, il Gran Maestro dell'Ordine ha respinto ancora una volta la commissione d'inchiesta disposta da Bergoglio. Sembra che alcuni membri della suddetta collaborino con un fondo svizzero che creerebbe conflitto di interessi.


Donald Trump. Finalmente ha giurato, su due Bibbie. Ha fatto un discorso denso di riferimenti a Dio e ad una visione non certo materiale della vita. Ha usato un linguaggio che ci è piaciuto. Non ha parlato dei soliti vuoti diritti delle minoranze, peraltro presunte, che riempivano i discorsi obamiani, ma ha anzi di fatto detto che gli uomini sono tutti uguali davanti a Dio. Inoltre dopo poche ore dall'insediamento ufficiale, il ciarpame riguardante i diritti LGBT è sparito dal sito della Casa Bianca. Buona fortuna Mr. President. Con buona pace delle zitelle femministe di tutto il mondo.
Da segnalare che la stampa mondiale ha sbroccato definitivamente e la Rai ha offerto un servizio pubblico al di sotto della soglia di civiltà, invitando negli studi solo personaggi lugubri che hanno saputo solo sputare fiele.

Amoris Laetitia. La telenovela continua. Il fronte progressista riempie l'album delle figurine con i solerti vescovi che emanano direttive aperturiste, da segnalare l'episcopato maltese che parrebbe minacciare ritorsioni contro i preti che non si allineano. Nel frattempo tre vescovi, fra cui un metropolita (quindi nella gerarchia della Chiesa, un vescovo molto importante, lo specifichiamo per i mentecatti che cercano di sminuire ogni azione volta a ribadire la Verità), hanno scritto al Papa un appello per difendere il matrimonio. In generale, comunque, Amoris Laetitia sta creando un casino vero, un'incertezza senza precedenti e il danno alla Chiesa rimarrà probabilmente per anni. 

 

0 commenti :

Posta un commento