01 gennaio 2017

Theotokos: appunti per comprendere la maternità divina

di Alfredo Incollingo

Il cattolicesimo ha dato dignità alla donna e, ritenendo la vita sacra, ha gettato una luce nuova sulla maternità. Gesù è nato da Maria: Dio ha scelto una donna per avvicinarsi alle sue creature. Lo avrebbe potuto fare in piena maestà, ma solo rendendosi piccolo il Verbo si è fatto comprendere.

La madre è quindi una figura centrale nel cristianesimo, perché ha aperto la strada alla Salvezza, generando Cristo. Eppure solo alcuni secoli dopo la morte e la resurrezione di Gesù i cristiani riconobbero pienamente la divinità della maternità mariana: i Vangeli la contemplano, ma la primigenia fede cristiana ancora non aveva maturato il senso di questo fatto straordinario. Mentre in occidente era data per assodata, in oriente il patriarca di Costantinopoli Nestorio aveva dichiarato illegittimo l'appellativo Theotokos (Madre di Dio).

Maria poteva essere definitiva solo come Madre di Gesù. L'eresia nestoriana negava l'unione ipostatica delle due nature, umana e divina, in Gesù Cristo. Sarebbe stato concepito, secondo Nestorio, come un comune essere umano e non come Dio: Maria sarebbe stata madre solo di un uomo. In questo modo l'eresiarca ribaltava le decisioni prese nel Primo Concilio di Nicea nel 325 riguardo la consustanzialità di Cristo con il Padre, proponendo il termine Christotokos per indicare la nascita puramente umana di Gesù.

A queste critiche la Chiesa Cattolica rispose con un concilio ecumenico nella città di Efeso, in Asia Minore, nel 431 d.c.: i Padri conciliari evidenziarono la pericolosità di tali affermazioni, rischiando di renderlo un semplice saggio, un buon uomo, come oggi lo si definisce, ispirato dallo Spirito Santo e niente più. Furono così rigettate le critiche nestoriane e si proclamò Maria Theotokos, Madre di Dio.

Così la donna e la maternità furono salvate dall'oblio e da un destino marginale: solo con Cristo e con Maria si ebbe il loro riscatto e solo nel cristianesimo la madre trova il suo degno e salvifico ruolo nella società e nei piani divini. Il primo gennaio la Chiesa Cattolica celebre la solennità di Maria Santissima Madre di Dio per esprime il suo grazie alla Theotokos e recitare l'Ave Maria che ricorda che la Vergine è Santa Madre del Dio fatto uomo.

 

0 commenti :

Posta un commento