04 marzo 2017

L'ecumenismo di San Francesco

di Edoardo Dantonia

Un dogma che va piuttosto di moda oggigiorno è che per rispettare e stimare qualcuno sia necessario essergli amico, o peggio andarci d’accordo. Il nemico, l’avversario è visto come una specie di strana entità, distante anni luce nel pensiero e nel corpo; di conseguenza è impossibile, secondo le ultime tendenze mondane, lodare uno che non faccia parte della nostra cerchia di compagni.

Siamo tutti stretti nei nostri recinti, ciechi di fronte a chiunque altro che non corrisponda a certi rigidi standard (nonostante siamo soliti millantare aperture di testa che solo un’ascia bipenne potrebbe eguagliare). Da questa errata convinzione deriva uno dei più grandi falsi storici, cioè il famoso incontro tra San Francesco (santo che già nella sua figura è vittima di fraintendimenti quasi al pari del Suo e Nostro modello) e il sultano Malik al-Kamil, fatto passare per una piacevole chiacchierata tra due saggi, un dialogo ecumenico ante litteram in cui il poverello di Assisi avrebbe predicato la pace e condannato le violenze dei crociati.

Le fonti duecentesche della vita del santo non recano traccia di tutto questo miele tra i due uomini, che pur si parlarono con grande rispetto l’un per l’altro, ma riportano bensì una grande “sete di martirio” da parte dell’assisiate. Francesco non tentò per ben tre volte, nell’arco di nove anni, di giungere in territorio nemico per far incontrare Vangelo e Corano in un patetico girotondo color arcobaleno. San Bonaventura da Bagnoregio, biografo di Francesco, scrive che quest’ultimo predicò “la verità di Dio uno e trino e di Gesù Salvatore di tutti con tanta fermezza e tanto fervore di spirito”, e all’obiezione del sultano che il Vangelo non predicava la violenza di cui s’erano macchiati i combattenti cristiani, egli rispose che allo stesso modo le parole del Cristo invitano a gettare lontano da noi l’occhio che ci dà scandalo, per cui era del tutto lecito che i cristiani avessero preso le armi contro chi bestemmia il Signore e aggredisce il Suo popolo.

Vedendo, inoltre, che non faceva progressi nella conversione di quella gente e che non poteva realizzare il suo sogno, preammonito da una rivelazione divina, ritornò nei paesi cristiani”, dice Bonaventura per concludere il resoconto di quell’incontro. Ma se anche le fonti non fossero così chiare, se anche ci fosse qualche dubbio sul dialogo tra il sultano e il santo di Assisi, se non volessimo utilizzarle come dimostrazione insomma, potremmo ragionevolmente propendere per la versione che ho riportato, e questo per due motivi. Innanzitutto Francesco è figlio del suo tempo (nonostante sappiamo bene come i santi abbiamo sempre un piede di qua e uno di là del mondo), per cui pensare che un uomo di Dio vissuto nel tredicesimo secolo, uno che pur riconoscendo i mali della Chiesa decise di rimanervi dentro per curarla e sostenerla dall’interno, nel pieno delle guerre contro gli islamici si sia messo a dialogare pacatamente con il sultano nemico e abbia “fatto incontrare Vangelo e Corano”, come ho avuto modo di leggere da qualche parte, è quantomeno fantasioso.

In secondo luogo la visione della storia è falsata, oltre che da quella fastidiosa tendenza di noi moderni ad estendere la nostra morale e la nostra percezione del mondo all’intero vissuto dell’umanità, applicando schemi che possono funzionare ottimisticamente per gli ultimi cinquant’anni, dal quel dogma di cui parlavo poco sopra: non è possibile pensare che due uomini possano stimarsi e dialogare con rispetto senza essere assolutamente in accordo; ritenere che San Francesco e il sultano possano essersi parlati con cortesia pur mantenendo le loro posizioni è qualcosa di incomprensibile e inaccettabile per l’uomo moderno. Personalmente non esiste argomento al mondo che sia in grado di allontanarmi da un altro essere umano; solamente i modi in cui viene proposto e l’onestà del mittente possono dissuadermi dal dibattere, nient’altro. Malik al-Kamil stesso “concepì verso di lui devozione ancora maggiore”, dopo avergli offerto doni preziosi ed aver ricevuto un deciso rifiuto, a dimostrazione del fatto che è veramente possibile rispettare il proprio avversario senza cadere in quella melma insopportabile costituita da un ecumenismo che è in realtà una passiva accettazione di ogni idea, una tolleranza cieca che ha come unico scopo un quieto vivere che nulla ha di cristiano.

tratto da Schegge Riunite  

0 commenti :

Posta un commento