13 marzo 2017

Riassunto del lunedì. La fiera del cattivo gusto


di Francesco Filipazzi
Negri, Gotti Tedeschi, Lombardi. Monsignor Negri ha rilasciato un'intervista nella quale ha detto, molto tranquillamente, che a suo parere le dimissioni di Benedetto XVI sono arrivate a seguito di pressioni interne ed esterne al Vaticano e che, visto l'interesse destato oltreoceano da Wikileaks, magari due domande fra le sacre mura potrebbero anche farsele. Successivamente Ettore Gotti Tedeschi ha spiegato il suo punto di vista sulla questione, anche in questo caso senza rivelare nulla di realmente nuovo al riguardo. Eppure qualcuno si deve essere risentito e per l'occasione è stato tirato fuori dal frigorifero il buon Padre Lombardi, che ha accusato il vescovo emerito di Ferrara di non essere amico di Benedetto... Se lo dice un gesuita ci crediamo.

DJ Fabo. Veglia di preghiera nella Diocesi di Milano per DJ Fabo. Per chi non avesse seguito la vicenda, si tratta di un ragazzo che dopo un incidente era rimasto cieco e paralizzato e quindi ha chiesto e ottenuto l'eutanasia. Il tutto messo sotto i riflettori dalla grancassa mediatica fornita dai soliti radicali, i quali erano in prima fila, moderni baciapile, a gustarsi la loro vittoria. Per la Chiesa è una sconfitta su tutta la linea. I media evocano il caso Welby, per cercare di dimostrare che c'è stato un grande cambiamento e ora sì che i preti stanno al passo con i tempi, sotto l'effetto Bergoglio. Il problema è che hanno ragione. Il che è un disastro.
Nessuno discute che si potesse pregare per DJ Fabo, ma di fatto è passato il messaggio che ora l'eutanasia è lecita anche per i cattolici. Qualcuno può smentire?

Trump. Un nuovo faldone di Wikileaks ha dato ragione a Donald Trump, il quale era stato deriso per aver accusato Obama di averlo spiato in campagna elettorale. Non si capisce in realtà se il magnate sia stato davvero spiato, però dai documenti trafugati e pubblicati online, si capisce benissimo che la Cia spiava tutti gli altri, dunque c'è poco da ridere per i democrats. Sembra anche che i servizi USA facessero apposta a lasciare tracce"russe" per poter far cadere su Putin l'accusa di spionaggio. "HA STATO PUTIN" non regge più.

Festa della donna? L'8 marzo quest'anno è stato un letamaio peggiore degli altri anni. Le manifestazioni di cattivo gusto hanno infestato le piazze italiane, con tanto di chiattone vestite da fattucchiere e a volto coperto (non si sa mai che il capo a cui hanno pietito mezza giornata di ferie le riconosca), che hanno mostrato le loro pudenda per protestare contro la violenza di genere. Una tristezza infinita.

PD. Continua la renzeide. Mentre l'ala sinistra del partito è uscita, chi è rimasto non sa che pesci pigliare. Per tutta risposta il papà di Renzi è andato a Medjugorje, luogo che a quanto pare frequenta spesso, tanto da essere conoscente nientepopodimeno che di Paolo Brosio. E chissenefrega!

Presentazione a Lodi. Siamo andati a presentare il libro nella città di San Bassiano. Come sempre abbiamo incontrato un buon interesse e siamo contenti di portare avanti la nostra piccola parte di Controrivoluzione assieme a voi. Il prossimo evento sarà sabato prossimo a Roma, dove interverrà Toni Brandi, presidente di Notizie Pro Vita.
 

1 commento :