22 maggio 2017

Il riassunto del lunedì. Nervi a pezzi



Enzo Paolo Turchi
si dispera per le emorroidi
di Francesco Filipazzi

La settimana appena trascorsa è stata molto interessante. Abbiamo avuto la conferma che in un certo settore della Chiesa, quello degli "interpreti di Francesco", i nervi sono a pezzi. Non ce la fanno più. La rivoluzione che si aspettavano non è arrivata e in 4 anni tutto il loro starnazzare ha prodotto solo una nota a pié di pagina. Sorge il dubbio che lo stesso Bergoglio non sia molto convinto delle porcherie di questi signori. Però a questo punto dovrebbe dirlo, diradando ogni dubbio.

Benedetto XVI. Il Papa Emerito ha scritto una postfazione al prossimo libro del Cardinal Sarah, elogiandone le idee liturgiche e le capacità. Forse non immaginava che per il suo gesto avrebbe mandato in vacca i nervi di molti personaggi.

Andrea Grillo. La cartina tornasole dei nervi saltati è stata un'intervista rilasciata da Andrea Grillo, teologo progressista che ha sempre nutrito rancore verso Ratzinger, teologo migliore di lui sotto ogni aspetto. Ne abbiamo già parlato su questo blog e abbiamo notato un certo interesse sull'argomento, dato che l'articolo è stato letto oltre 22 mila volte. Possiamo aggiungere che, purtroppo per lui, il buon Grillo si trova in una brutta situazione. Le teorie (non sue) che propaga continuamente, sono fallimenti certificati. Senza contare che se non le propugnasse, dato l'andazzo, avrebbe la carriera rovinata. E dire che il teologo è il sosia di Nanni Moretti, potrebbe nascerne qualche collaborazione interessante.
Maradiaga contro Burke. Il cardinale saxofonista sudamericano ha rilasciato un'intervista sconcertante, nella quale dipinge Burke come un pover'uomo deluso e assetato di potere. Così assetato di potere da aver perso tutte le cariche che ricopriva, pur di difendere la Verità. Maradiaga, come dicevamo sopra, non è evidentemente molto tranquillo, visto che molte delle incomprensioni dell'attuale pontificato sono dovute proprio alla sua imprudenza.
Da questi pochi esempi pare di capire che nella chiesa vi sia una competizione a chi la spara più grossa, con la speranza di ricevere una cattedra, una diocesi, una consulenza o una berretta rossa.

Dimissioni di Benedetto XVI. In settimana il nostro blog ha riaperto il caso delle dimissioni di Benedetto. Non tanto per dire che siano invalide, ma per cercare di capire da cosa siano state provocate. Il caso è stato poi aperto anche dall'amico Alessandro Rico su La Verità e da Socci su Libero.

Marcia per la Vita. In tutto questo chiacchiericcio, si è svolta anche la Marcia per la Vita. Migliaia di persone si sono riversate per le vie di Roma e anche quest'anno la manifestazione è stata un successo. Come sempre, c'è un'Italia che marcia per il proprio futuro, mentre un'altra marcisce aspirando quasi all'estinzione. Qualche giorno prima, l'università che ha accolto papa Francesco a braccia aperte ha censurato Gianna Jessen, una ragazza sopravvissuta ad un aborto salino che testimonia in giro per il mondo il valore assoluto della vita.

Reggio Emilia. Tiene banco ormai da un paio di settimane la questione della processione riparatrice del Gay Pride a Reggio Emilia, in un momento in cui anche la Chiesa è palesemente influenzata da una lobby gay che crede di poter piegare il Corpo Mistico di Cristo alle voglie del mondo (come sempre non prevarranno). Il Cardinale Burke ha dato la propria benedizione all'evento religioso, mentre la curia locale glissa. Siamo vicini spiritualmente a tutti coloro che intendono in ogni modo pregare per riparare all'offesa rivolta alla comunità emiliana, recentemente consacrata al Cuore Immacolato di Maria. Come Giovanni Paolo II ai tempi del Giubileo, riteniamo che i gay pride siano offese alle città dove si svolgono.

 

1 commento :

  1. Forse non saranno le emorroidi a farli disperare, ma lo scritto di Ratzinger ha causato parecchi isterismi, non immaginava? Immaginava, immaginava, missione compiuta, la voce della verità non si può sopprimere, ottime come sempre le altre analisi.

    RispondiElimina