03 luglio 2017

San Tommaso apostolo, il missionario persiano


di Alfredo Incollingo

“Tommaso, uno dei Dodici, chiamato Dìdimo, non era con loro quando venne Gesù. Gli dissero allora gli altri discepoli: «Abbiamo visto il Signore!». Ma egli disse loro: «Se non vedo nelle sue mani il segno dei chiodi e non metto il dito nel posto dei chiodi e non metto la mia mano nel suo costato, non crederò». Otto giorni dopo i discepoli erano di nuovo in casa e c'era con loro anche Tommaso. Venne Gesù, a porte chiuse, si fermò in mezzo a loro e disse: «Pace a voi!». Poi disse a Tommaso: «Metti qua il tuo dito e guarda le mie mani; stendi la tua mano, e mettila nel mio costato; e non essere più incredulo ma credente!». Rispose Tommaso: «Mio Signore e mio Dio!». Gesù gli disse: «Perché mi hai veduto, hai creduto: beati quelli che pur non avendo visto crederanno!” Così il “Vangelo secondo Giovanni” racconta l'incontro tra San Tommaso e Gesù dopo la Resurrezione e l'Ascensione. L'incredulo apostolo dubita che l'uomo che ha di fronte sia Cristo e, solo toccando le ferite della Crocifissione, alla fine crede.
Il discepolo non è solo un uomo dubbioso, è anche un cristiano determinato. Dopo la risurrezione di Lazzaro, Gesù è deciso a tornare in Giudea, ma i discepoli si oppongono, temendo che i giudei lo possano lapidare. E' Tommaso che sprona gli altri a seguirLo: “Andiamo anche noi a morire con lui!”
Anche durante l'Ultima Cena è presente l'apostolo e prende la parola quando Gesù afferma che tutti i commensali sanno bene cosa sarebbe accaduto. Tommaso con Filippo ribatte di ignorare i disegni del Padre e Gesù così risponde: “Gli disse Gesù: Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”, rivelandosi in maniera potente, senza tuttavia la comprensione di Tommaso, che avverrà solo nell'episodio prima citato.
Dopo la Pentecoste, secondo un'antica tradizione, Tommaso si recò prima in Siria per predicare e poi nella città di Edessa e a Babilonia. Prese il mare alla volta dell'India, stabilendosi a Muziris, dove si trovava una ricca comunità ebraica. San Tommaso convertì gli israeliti e si rivolse successivamente alla popolazione indiana, battezzando le personalità più in vista delle caste superiori della città. Dall'India è probabile che San Tommaso viaggiò alla volta della Cina per poi ritornare nella penisola indiana, dove, secondo la tradizione, si spense in età avanzata.

 

0 commenti :

Posta un commento