25 settembre 2017

Il Riassunto del lunedì. Caffè corretto


di Francesco Filipazzi

Correzione. Storiella: ore 8.30, vibra il telefono. "E' il giorno della Correzione e voi state ancora a dormire?". Guardo, ignoro, dormo. Alle 10 dalle nebbie del dormiveglia il cervello ha un sussulto. "LA CORREZIONE?". Ebbene, un gruppo di coraggiosi cattolici, docenti e sacerdoti, ha effettivamente inoltrato una correzione filiale a Papa Francesco. Bevendo il caffè, gli internauti iniziano a capire i contorni del documento e iniziano a scambiarsi informazioni. Certo non è la correzione dei cardinali, ma in Vaticano probabilmente il caffè corretto rifilato dai 62 firmatari non è stato gradito. La giornata si svolge tranquillamente. A quanto pare la parola "eresia" contenuta nella correzione ha fatto colpo e tutti i giornali ne parlano. Cercano di scaricare la tempesta mediatica sul firmatario più noto, Ettore Gotti Tedeschi, ma ottengono solo che il diretto interessato li metta tutti in riga con una magistrale dichiarazione di fedeltà alla Chiesa. La serata si conclude con l'annunciatrice di La7 che parla di un documento di lefebvriani ed estremisti di destra anticattolici. Intanto Melloni ha detto che i firmatari sono servitori di Mammona. Detto da uno della scuola di Bologna, quella che incassa fior di soldi da mamma Repubblica! Insomma, questi stanno tutti peggio di noi. Caffè lisergico, corretto LSD. Ora attendiamo azioni da alti prelati.

L'affare Milone si ingrossa. Oscurato un po' dalla notizia precedente, Libero Milone è finito comunque su tutti i giornali denunciando di essere stato dimissionato dall'ufficio di Revisore Generale del Vaticano con metodi eterodossi. Mons. Angelo Becciu, uomo forte del corso bergogliano (e organizzatore del papocchio sullo Ius sola fra il Papa e Gentiloni) lo avrebbe messo alla porta e il capo della Gendarmeria lo avrebbe fatto firmare sotto minaccia. "Non mi sono dimesso volontariamente. Sono stato minacciato di arresto. Il capo della Gendarmeria mi ha intimidito per costringermi a firmare una lettera che avevano già pronta". Insomma, sembra che quanto a gestione del personale dietro le sacre mura ci sia qualche incomprensione, e poca misericordia. Per non avere problemi d'ora in avanti pagheranno gli stipendi con i voucher.  

Sfasciato l'istituto Giovanni Paolo II. Per non farci mancare niente, Bergoglio ha pubblicato un motu proprio, Summa Familiae Cura, nel quale azzera l'istituto per gli studi familiari Giovanni Paolo II. Nel documento si parla di "cambiamento antropologico-culturale" dell'uomo (e noi pensavamo che l'antropologia fosse sempre la stessa, ma siamo dei beceri creazionisti) e si apre alle "scienze familiari". Quali sarebbero queste scienze? Temiamo di saperlo. Per la cronaca, l'attuale Papa in quattro anni ha fatto quasi lo stesso numero di Motu Proprio del pontificato di Giovanni Paolo II. "Come è collegiale lei"...

Catalogna. Gran caos in Catalogna. Il 1 ottobre avrebbe dovuto svolgersi un referendum per decidere sulla secessione dalla Spagna. Il governo centrale ha però deciso di bloccare tutto, facendo arrestare un po' di gente importante e sequestrando le schede elettorali. La situazione è molto tesa e si rischia una balcanizzazione della regione. C'è in corso un interessante dibattito in area cattolica, fra chi sostiene che la secessione sarebbe uno schiaffo all'Unione Europea e al globalismo, mentre c'è chi preferirebbe lo stato unitario come ultimo baluardo contro la stessa UE. Va detto che la secessione catalana sarebbe tesa a trasformare il nuovo stato in un paradiso del gender e dell'immigrazione, anche peggio della stessa Spagna, ormai ombra - ma pur sempre vessillo - di una civiltà perduta. La puzza di rivoluzione colorata è comunque molto forte.

Martin. Come tutte le settimane ci occupiamo del gesuita padre Martin, il famoso sostenitore di tesi omoeretiche promosso ad alti incarichi in Vaticano. Mentre sparuti cattolici veri hanno protestato fino a far cancellare molte delle sue conferenze in giro per il mondo, i gesuiti americani lo hanno difeso, ribadendo che "tutti i libri di padre Martin sono scritti con il pieno consenso dei suoi superiori religiosi e in conformità con le linee guida di pubblicazione della Chiesa cattolica”. Noi invece inizieremo a perorare la causa di beatificazione di Clemente XIV, che soppresse l'ordine. Unico uomo vero in un mondo falso.

Il tantra alla gregoriana. Rimanendo in ambito fallico, segnaliamo un grande incontro all'università gregoriana, dal titolo "Illuminazione e via tantrica", incontro fra cristiani e induisti. Per chi non lo sapesse, il tantra è una di quelle dottrine, composta da vari testi il cui studio sarebbe molto complesso, che mescola assieme insegnamenti spirituali e tradizioni esoteriche di varie religioni orientali. In occidente generalmente se ne parla solo in virtù delle pratiche sessuali legate ad essa. Alla gregoriana probabilmente diranno un mucchio di idiozie, ci chiediamo che illuminazione potrebbe dare al cristianesimo la via tantrica...

Germania, boom dei populisti. In Germania la CDU-CSU della Merkel è crollata alle elezioni, mantenendo la maggioranza relativa, incaricata di formare il nuovo governo, ma registrando il peggior risultato dal '49. C'è stato invece un balzo in avanti dei sovranisti di AFD (senza contare le forze antisistema di estrema sinistra), che entrano in grande stile al Bundestag con quasi 100 parlamentari. Lo sconfitto vero della tornata elettorale è però il SPD. Minimo storico e grandissima figuraccia di Schulz. Lo proporremo nel ruolo di Kapò.


Iscrivetevi alla nostra newsletter settimanale, che conterrà una rassegna dei nostri articoli. Utilizzeremo agosto come mese di prova, poi a settembre si parte a regime.

 

0 commenti :

Posta un commento