08 ottobre 2017

Il Riassunto del Lunedì. Un Rosario per l'Europa


di Francesco Filipazzi

Un Rosario per la Polonia (e per l'Europa). Un evento che (stranamente) non è stato pubblicizzato dai media merita l'apertura della nostra settimana. In Polonia, proprio a pochi giorni dalla fine del centenario delle apparizioni di Fatima, il popolo ha pregato il Rosario, unito e compatto, per chiedere la salvezza della stessa Polonia e dell'Europa. Milioni (non migliaia) di persone si sono posizionate sul confine del Paese, circondandolo in un enorme protettivo abbraccio, chiedendo l'intercessione della Beata Sempre Vergine Maria. Invitiamo tutti a pregare il Rosario: venerdì sarà il 13 ottobre.

Sindrome di down. Un caso piuttosto dubbio ha scosso l'opinione pubblica. Sette mostruose famiglie tradizionali hanno rifiutato di adottare una bambina con la sindrome di Down, mentre un sant'uomo scapolo che vive da solo ha accettato di adottarla senza riserve. Tanti applausi da parte dei media, ma ricordiamo a tutti che la società attuale non riconosce ai bambini con handicap neanche il diritto di nascere. I giornali di recente hanno magnificato l'efficienza dell'Islanda che fa fuori regolarmente tutti i bambini Down prima della nascita. Di cosa stiamo parlando?

Trump e aborto. Donald Trump, nonostante le grosse perplessità che suscita riguardo la politica estera, ha intrapreso una battaglia contro le idiozie lgbt e le leggi ultra-abortiste di Obama. Fra le altre, siamo venuti a sapere che il presidente bombarolo premio Nobel per la pace aveva inserito una norma per cui le proprie convinzioni religiose dovevano essere provate in sede giudiziaria, per riuscire ad essere riconosciuti come obiettori di coscienza. Trump ha eliminato questa normativa sovietica reintroducendo l'obiezione di coscienza e ristabilendo quindi un principio di libertà. "Nessun americano dovrebbe essere costretto a scegliere tra le leggi del governo federale e i dettami della propria coscienza". I radicali prendano appunti, e il maalox.

Sviluppi catalani. In Spagna, rispetto ad una settimana fa, la situazione è completamente cambiata. Il governo "secessionista" sembra non sapere più che pesci pigliare, mentre quello spagnolo ha intrapreso una politica di difesa dell'unità nazionale piuttosto aggressiva. Nel weekend in tutto il paese si sono svolte manifestazioni oceaniche contro la secessione e in Catalogna anche gli indipendentisti si stanno ricredendo: pare che i secessionisti abbiano risvegliato il patriottismo spagnolo. In tutto questo marasma, emerge che la posizione dei Vescovi spagnoli è estremamente delicata e ingarbugliata, anche perché alcuni preti e un vescovo hanno preso apertamente le parti della secessione. Il riassunto della situazione ecclesiastica è disponibile sulla Nuova Bussola Quotidiana.

Morto Aldo Biscardi. È morto l'enorme Aldo Biscardi, ideatore e fondatore del "calcio  parlato", sdoganatore del tifo in TV, ma soprattutto grande persona vera in un mondo falso. Voi direte "e che c'entra?". Ebbene, signori, il creatore del Processo del Lunedì è un po' l'ispiratore anche di questa rubrica, dove ogni settimana commentiamo e processiamo tutti. Giù il cappello insomma e "parlate non più di due per volta". Evviva il biscardismo!





Iscrivetevi alla nostra newsletter settimanale, che conterrà una rassegna dei nostri articoli. 




 

1 commento :

  1. Fossero stati un milione di gaioni gayamente agghindati l'avrebbero sbandierato in tutte le lingue del mondo,ma......peperoncini sott'aceto non fanno audience, mi fa specie che Vlad non abbia succhiato il sangue di Stone, a parafrasare, per la statura e di Putin e del grande Biscardi, che alcuni idioti che blaterano su tv sedicenti sportive, hanno sbeffeggiato, loro possono dire a voce alta Io so' io voi nun siete un cazzo.....

    RispondiElimina