20 novembre 2017

Il riassunto del lunedì. Dov'è finito Toto Riina?


di Francesco Filipazzi

Dubia. In settimana il cardinale Burke ha "festeggiato" l'anniversario dei dubia. Esattamente un anno la pubblicazione, i quattro cardinali (ridotti ormai a due) non hanno ricevuto alcuna risposta (e te pareva?) e il caos esistenziale nella Chiesa è cresciuto a dismisura. E, aggiungiamo noi, aumenta ogni giorno che passa.


Morte Riina. E' morto Totò Riina, uno dei mafiosi più sanguinari della storia d'Italia. Puntuale come il mal di denti, è stato recuperato tutto il ciarpame possibile riguardo la scomunica ai mafiosi (mai formalmente comminata) di cui tempo fa parlava Bergoglio. Purtroppo sulla questione della mafia emerge tutta la debolezza della retorica bergogliana. L'attuale pontefice da un lato sta cercando di eliminare il concetto di peccato, dall'altro assieme ai suoi sodali gesuiti sta cercando di eliminare il concetto di inferno. Quindi, in mezzo a tutti i suoi attorcigliamenti, come può dire, come farebbe un normalissimo cattolico, che il peccatore mai pentito Totò Riina ora sta bruciando all'inferno? Ok, poniamo il caso che sia scomunicato, ma se l'inferno non esiste, al momento il boss dov'è? Anche lui è stato perdonato come se niente fosse?

Testamento biologico.  A proposito di confusione, avete presente che il testamento biologico era stato affossato? A resuscitarlo ci ha pensato... indovinate... sì proprio lui, il buon Papa Francesco. Con un discorso a metà fra l'inutile e l'ambiguo, apparentemente il Pontefice regnante si è espresso contro l'accanimento terapeutico. In realtà ha negato che sul fine vita esista una regola di giudizio generale, ribadendo il comandamento bergogliano sancito da Amoris Laetitia: "fate un po' come vi pare".

Il Vescovo di Noto contro la massoneria. Dobbiamo confessare di essere stati fra i critici della presenza del Vescovo di Noto presso un convegno dal titolo "Chiesa e massoneria, così lontani, così vicini", organizzato a Siracusa dal GOI. Dopo le demenzialità di Ravasi e i (suoi) fratelli massoni, temevamo che uscisse qualcosa di indigeribile. In realtà monsignor Staglianò è andato a dire al Grande Oriente che i massoni sono fuori dalla Chiesa in quanto scomunicati. Dunque chiediamo venia a sua eccellenza per la nostra scarsa fiducia.

Vescovi americani. I vescovi americani hanno eletto mons. Naumann a capo della Commissione episcopale per la vita. Il vincitore, conservatore, con 96 voti ha prevalso sul cardinale Cupich, che ha preso 82 voti. Manco a dirlo, Cupich pare fosse il candidato di Bergoglio. Progressista, sostenitore dell'omoeretico e ambiguo James Martin, questo cardinale in pratica ritiene che l'aborto e le questioni etiche non siano basilari, ma siano una delle tante questioni di cui si può parlare liberamente al bar con gli amici. Il fatto che abbia perso, con un vantaggio non molto ampio in verità, è importante, perché segna la volontà della conferenza episcopale USA di non aderire all'andazzo autodistruttivo di Bergoglio e soci. Ci aspettiamo che a breve la mannaia della misericordia cali anche sui vescovi statunitensi. D'altronde la minaccia di azzerare la conferenza episcopale polacca è stata urlata fra le sacre mura non più tardi di due settimane fa, perchè non misericordiare anche oltreoceano?

Politica internazionale. Kim, il leader nord coreano, ha dichiarato che Trump è un vecchio. Trump gli ha risposto dandogli del ciccione.


Iscrivetevi alla nostra newsletter settimanale, che conterrà una rassegna dei nostri articoli.

 

7 commenti :

  1. Riina all'inferno, Pannella in paradiso, questo è il sistema di giudizio della chiesa B.2.0, quello che piace a lui è sacro, il resto basta scegliere a piacimento nel libretto degli insulti del jefe, ce n'è per tutti i gusti, certo se tacesse un po' di più e la smettesse di parlare a vanvera e in maniera ambigua tipo Vermilinguo, ne guadagnerebbe il nostro povero stomaco ormai ridotto allo stremo.

    RispondiElimina
  2. "e il caos esistenziale nella Chiesa è cresciuto a dismisura. E, aggiungiamo noi, aumenta ogni giorno che passa."

    e grazie a questo chiassoso silenzio, ho già visto andare un paio di conoscenti ed amici dagli scismatici con vino e taralli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gli scismatici siamo noi
      md

      Elimina
    2. non ho inquadrato bene la prospettiva da cui scrivi, ma gli "scismatici" a cui mi riferisco sono gli Ortodossi ed i sedevacantisti, cioè chi non è in comunione piena con la Chiesa Madre.

      Elimina
  3. Pare che oggi il Vescovo di Roma abbia rilasciato anche un discorso con "consigli per la guida attenta ed ecologica".

    RispondiElimina
  4. Si annunciano tempi grami per il Vescovo di Noto; se ha fatto quel che ha fatto, cioè annunciare la verità senza sconti, in Vaticano non la prenderanno bene.

    RispondiElimina
  5. Un grazie al Vescovo di Noto per la testimonianza di vera carità cristiana. Ed una preghiera per lui.
    Il Caudillo argentino farà calare presto su di lui la "mannaia" della sua misericordia.

    RispondiElimina